Il reparto di Ortopedia e Traumatologia dell’ospedale “Luigi Curto” di Polla sarà costretto a funzionare a mezzo servizio a causa della carenza di medici.

Sono assenti, infatti, due dirigenti medici su tre dell’Unità Operativa Complessa di Ortotraumatologia. Ciò comporta che eventuali urgenze ortopediche dovranno essere trasferite presso altri ospedali dell’ASL Salerno.

A disporlo, suo malgrado, nella giornata di ieri, è stato il direttore responsabile del reparto del nosocomio pollese Antonio Caronna. In una nota inviata al Direttore Sanitario del “Curto” ed al Dirigente responsabile del Pronto Soccorso, il dott. Caronna sottolinea che tale provvedimento si è reso necessario in quanto nei giorni 5 e 6 aprile non è in servizio alcun dirigente medico.

La comunicazione interna del dott. Caronna è stata preceduta lo scorso 2 aprile da un’altra lettera inviata alla Centrale Operativa del 118 che viene invitata “a non disporre – si legge nel documento – trasferimenti da altre strutture ospedaliere e da zone dove sono facilmente raggiungibili altri ospedali”.

– Erminio Cioffi –


 

7 Commenti

  1. Non ci preoccupiamo dell’ospedale che oggi sta chiudendo ma è già partito da 20 anni quindi l’Ortopedia è un falso problema siamo seri.

  2. Alle prossime elezioni cari concittadini tenete conto.
    cominciamo a restituire le tessere elettorali
    e se non le rivogliono BRUCIAMOLE

  3. Non so tu, greg, dove sei stato e quanto hai vissuto il nord.. Però ti posso assicurare che non mi sarei permesso di replicare se si fosse trattato di un falso mito!!!! Forse diciamocelo… Nel nostro valdiano se ai tuoi occhi pensi che le cose funzionino meglio e’ perché si è ridotti a farsi raccomandare o farsi annunciare telefonicamente per un semplice e a volte banale esame di laboratorio!!!! Premettimi… Confermo ancora che e’ una vergogna!!!

  4. ma come il direttore sanitario aveva assicurato che si stava voltando pagina!!!!!avesse un po di dignità dovrebbe dimettersi!

  5. Ma siamo proprio sicuri che al nord funziona tutto così bene come si vuol credere? Non mi risulta che sia proprio così. I tempi di attesa del nord sono di gran lunga superiori ai nostri che oggi sono diventati lunghi. Forse per adeguarci al buon funzionamento del nord? Ma basta con questo falso mito.

  6. E’ una vergogna ed un immane sgomento!!! La popolazione Valdianese le paga le tasse con tutti i sacrifici dovuti.. e in cambio.. Quale servizio hanno in cambio dalle istituzioni??? NIENTE!!! Mi chiedo cosa fa’ chi di dovere e a tutti i livelli nel proprio ufficio tutto il giorno, anziché assumersi le proprie responsabilità!!!! E poi si parla di disoccupazione! Mettiamo persone capaci e competenti al posto giusto, eee poi vediamo se c’è differenza di vita!!! Come cazzo e’ che al Nord funziona???

    • giuseppe says:

      Siete ignoranti o in mala fede se non siete a conoscenza che da 20 anni che gli ortopedici a Polla non superano le 3 unita’.
      Adesso tacete

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*