111mila Euro, questo è il “prezzo” da pagare per far fronte alla carenza di medici nell’Unità Operativa di Cardiologia dell’ospedale “Luigi Curto” di Polla.

E’ quanto emerge dalla delibera con la quale il Direttore Generale dell’ASL Salerno, Antonio Squillante, ha prorogato la convenzione con l’azienda ospedaliera “Sant’Anna e San Sebastiano” di Caserta per l’attività di consulenza in Cardiologia e per i turni attivi per tutto il 2015. Il compenso per i medici che arriveranno a Polla dal nosocomio casertano ammonta a 60 euro lordi all’ora.

Squillante nella premessa della delibera motiva questa necessità in seguito al blocco del turnover del personale ed al divieto di assunzioni. La situazione del reparto di Cardiologia del nosocomio pollese è particolarmente critica a causa della gravissima carenza – scrive Squillante – di medici cardiologi, ulteriormente aggravata dalla recente cessazione dal servizio per decesso di un medico cardiologo“.

Nel reparto, di fatto, sono rimasti in servizio soltanto 5 dirigenti medici ed uno di questi svolge la funzione di Dirigente Responsabile facente funzione. 5 medici non sono in grado di garantire l’assistenza 24 ore su 24 in un reparto dove ci sono 14 posti letto di cardiologia e 8 posti letto di UTIC. A causa dei pochi medici non possono essere garantite nemmeno le prestazioni ambulatoriali e le consulenze interne necessarie per gli altri reparti di degenza e per gli interventi chirurgici in sala operatoria.

La scelta di rinnovare la convenzione con l’azienda ospedaliera di Caserta è stata fatta perchè non è stato possibile – si legge nella delibera – instaurare, per indisponibilità dei Dirigenti Medici, un rapporto convenzionale con Aziende più vicine all’ospedale di Polla”.

– Erminio Cioffi –


 

14 Commenti

  1. Ho sempre rispettato le idee degli altri e non devo certo fare a chi vince con te ne ricevere auguri da te. Io degli ospedali ne ho sempre avuto bisogno e ne avrò bisogno purtroppo. Perciò conosco molte più realtà di te. Non risponderò più a chi non sa dialogare. Tipico del nord. Va bene solo il nostro.

  2. E ‘ la conferma di quello che dico e penso. Risorse dirottate. Dimenticavo. Ho avuto bisogno anche io dell’ortopedia di polla e non mi hanno ingessato. Hanno fatto esattamente quello che mi avevano detto a milano di non fare mai. Apri gli occhi che lì te li fanno tenere chiusi.

    • angelo says:

      Oh e allora. ..contento te …contenti tutti…se non vuoi vedere la realtà ..sono problemi tuoi..Auguri..e spero che in generale non avrai mai bisogno di andare in ospedale..

    • angelo says:

      Ah ..un piccolo appunto. ..impara a rispettare le idee degli altri…Io gli occhi c’è l ho aperti da quando forse a te cambiavano ancora il pannolino. .

  3. Vai un giorno al Pio Albergo Tribulzio.

  4. notizie avute da lombardi puro sangue che si curano altrove, magari all’estero. Quante ricevute fiscali ti hanno rilasciato?

  5. E poi parli male di ortopedia ma non metti in dubbio la professionalità dei medici. Non ti pare un controsenso? O hai paura di averne ancora bisogno? In quanto ai politici e ai dirigenti non si fanno le nozze con i fichi secchi. Ripeto le risorse vengono sottratte al sud e destinate al nord per fare felice e contento chi da 20 vive lì. Perchè a te fanno capire ben poco.

    • angelo says:

      ma credi davvero in quello che scrivi? risorse sottratte al sud?tempi di attesa di un anno ? va be tieniti polla..io se caso mai dovessi averne bisogno ..e spero di no…mi curo in Lombardia. .Auguri

    • angelo says:

      ah..vedo invece che tu da 1000km di distanza invece hai capito tutto ..ok…bravo contento tu…

  6. ma i tempi di attesa in lombardia proprio per ortopedia li conosci? Un anno per una protesi. mia madre alla veneranda età di 82 anni è stata curata per una frattura al reparto di ortopedia di polla. Non ha mai avuto neanche un piccolo problema. Non parliamo di risorse che vengono costantemente dirottate al nord. Non dimentichiamo i malati operati nella clinica privata quando non ce n’era bisogno. Ecco che fine fanno le risorse costantemente sottratte al sud. I lomdardi non parlano così bene della loro sanità come te.

  7. angelo says:

    azz minghia …ma bisogna essere geni per pagare queste cifre… Ma come mai in altre regioni d italia le cose funzionano e ci sono ospedali ogni sputo di via? ..

    • ma sei mai stato in altre regioni e soprattutto in altri ospedali d’ italia? Prova.

      • angelo says:

        Si ..si e meno male. ..vivendo da 20 anni in Lombardia magari qualcosa del buon funzionamento della sanità lombarda la so’..Evito di raccontarti l ultima volta che ho avuto necessità di ortopedia a polla…ti annoiere…comunque mi spieghi come mai c’è un esodo di ammalati del Sud verso le altre regioni? ..oh non metto in dubbio la professionalità dei medici..Ma politici e dirigenti ci si sono fatti i cazzi loro con tutte le risorse…

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*