Il Presidente della Commissione Aree Interne e consigliere regionale M5S Michele Cammarano reclama il mancato ascolto dell’intera comunità del Cilento circa la riapertura del Pronto soccorso dell’ospedale di Agropoli:Inascoltato il grido di allarme di intere comunità”.

Oltre 42mila firme raccolte e intere comunità che da oltre un anno, a gran voce, invocano l’apertura del Pronto soccorso dell’ospedale di Agropoli – spiega Cammarano -. Un grido d’allarme che coinvolge anche i sindaci e gli amministratori dei tanti comuni dell’area cilentana che hanno in questo nosocomio un riferimento fondamentale per l’assistenza a migliaia di residenti e visitatori. Non ha avuto alcun seguito la nota dell’8 luglio 2020 con la quale l’Asl Salerno annunciava la riorganizzazione del presidio ospedaliero, diventato intanto Covid hospital, e la riapertura h24 del Pronto soccorso, con un investimento complessivo di circa 2 milioni di euro”.

Cammarano avverte che il Cilento dovrà ancora attendere una decisione da parte della Regione: “Oggi avremmo voluto interrogare la Giunta regionale in aula, per capire se intende dar seguito ai provvedimenti annunciati e che tempi si prevedono perché un presidio così importante venga restituito alle comunità del Cilento. Ma il question time sulla vicenda è stato rinviato per approfondimenti istruttori e ben 42mila cittadini e le loro famiglie dovranno attendere chissà quanto ancora per ottenere una risposta”.

Per continuare a leggere non usare il blocco delle pubblicità sul nostro giornale.

La pubblicità è l’anima del commercio e senza di essa non potresti leggere le notizie che ti interessano