La Corte d’Assise di Salerno ha condannato a 20 anni di reclusione Vincenzo Galdoporpora, il 27enne di Capaccio Paestum responsabile dell’omicidio del pizzaiolo Francesco De Santi avvenuto la notte del 27 ottobre del 2019.

L’italo brasiliano accoltellò De Santi davanti ad un bar dopo una furiosa lite.

A Galdoporpora sono state riconosciute una serie di attenuanti. La sentenza di primo grado, pronunciata nel pomeriggio di ieri al termine di una camera di consiglio durata circa due ore, smonta l’impianto accusatorio messo in piedi dal pubblico ministero Marinella Guglielmotti della Procura della Repubblica di Salerno. Partendo dall’ergastolo, il pm aveva chiesto una condanna a 30 anni di reclusione.

Il suo avvocato Marcello Nese si è riservato di ricorrere in Appello dopo aver letto le motivazioni della sentenza.


  • Articolo correlato:

29/07/2020 – Omicidio di Francesco De Santi a Capaccio Paestum. A giudizio il reo confesso che accoltellò il 33enne

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

This site is protected by reCAPTCHA and the Google Privacy Policy and Terms of Service apply.

Per continuare a leggere non usare il blocco delle pubblicità sul nostro giornale.

La pubblicità è l’anima del commercio e senza di essa non potresti leggere le notizie che ti interessano