È arrivata la svolta nel caso relativo alla morte di Francesca Galatro, la 66enne ritrovata priva di vita nel pomeriggio di lunedì scorso nel Centro di accoglienza per senza fissa dimora di Vallo della Lucania.

A confessare l’uccisione della donna infatti è stato un 60enne cilentano, ospite presso la stessa struttura della vittima, che ora è accusato di omicidio e si trova presso il carcere vallese in stato di arresto.

L’uomo, molto vicino alla vittima, ha inferto il colpo letale alla 66enne originaria di Buonabitacolo ma da tempo residente a Vallo della Lucania. Un solo colpo scagliato sul petto della donna sarebbe stato fatale per la 66enne. Le indagini condotte dai Carabinieri dalla Compagnia di Vallo della Lucania, diretti dal Capitano Annarita D’Ambrosio e coordinate dalla Procura della Repubblica vallese, fin da subito sono state indirizzate nei confronti del 60enne che già nel corso della nottata di lunedì era stato sottoposto a fermo presso il carcere vallese, dopo diverse ore di interrogatorio.

A confermare la dinamica dell’accaduto e le cause del decesso sarà però l’autopsia che verrà effettuata sul corpo della vittima nel corso della giornata di domani, venerdì 21 agosto.

Per l’uomo è scattata la custodia cautelare in Carcere.

– Maria Emilia Cobucci –


  • Articolo correlato

19/8/2020 – Omicidio di Francesca Galatro. La gelosia alla base della morte della donna originaria di Buonabitacolo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

This site is protected by reCAPTCHA and the Google Privacy Policy and Terms of Service apply.