Uno straordinario Domenico Acerenza chiude con tre medaglie, due bronzi e un argento, l’edizione numero 57 del “Settecolli”, il campionato italiano assoluto di nuoto tenutosi a Roma allo Stadio del Nuoto. Straordinaria in particolare la prova offerta ieri sera nei 1500 stile libero. Secondo posto alle spalle di uno stratosferico Gregorio Paltrinieri (tempo di  14 minuti, 33 secondi e 10 decimi, record europeo).

Per Acerenza tempo di 14 minuti, 49 secondi e 98 decimi. Nella prima giornata, martedì, nei 400 Acerenza ha ottenuto la medaglia di bronzo dopo la straordinaria prestazione all’esordio, con il tempo di 3 minuti, 46 secondi e 88 decimi, sfiorando anche in questo caso il proprio personale dopo due anni e posizionandosi alle spalle di Marco De Tullio e Gabriele Detti. Poi la seconda medaglia di bronzo per il nuotatore di Sasso di Castalda che ha ripetuto la grande prova del primo giorno, questa volta negli 800 metri stile libero. Acerenza ha fatto segnare il tempo di 7 minuti, 48 secondi e 74 decimi. Un tempo che ha sfiorato il suo personale.

Davanti al 25enne nuotatore lucano, al secondo posto Gabriele Detti (7 minuti, 46 secondi e 4 decimi) e sul gradino più alto Gregorio Paltrinieri, che con il tempo di 7 minuti, 40 secondi e 22 decimi ha fatto segnare un nuovo record dei campionati.

Poi la prova con l’argento nei 1500, con Acerenza che ha segnato il suo miglior tempo sulla distanza. Un ritorno nelle acque clorate da applausi per il 25enne, tesserato per le Fiamme Oro e CC Napoli.

– Claudio Buono –

Scrivi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*