Piena soddisfazione nella sede di Contursi Terme dell’Ente Riserve Naturali “Foce Sele – Tanagro” e “Monti Eremita Marzano”.

Una pronuncia favorevole del Tar pone fine ad un contenzioso che vedeva l’Ente contrapposto alla Società Valva Energia srl (ex Marant) rispetto alla realizzazione di un parco eolico parzialmente interno al perimetro dell’area protetta da edificare nel comune di Valva con opere connesse nel territorio di Calabritto, in una zona adiacente al fiume Sele.

Nel dettaglio la sentenza decreta l’impossibilità di procedere all’installazione delle pale eoliche e attesta l’irrimediabile venir meno della vigenza dei provvedimenti autorizzativi all’intervento”.

“E’ una bellissima notizia per l’intero territorio – spiega Antonio Briscione, presidente dell’Ente Riserve – Con il Sindaco e l’Amministrazione di Valva abbiamo fatto un ottimo lavoro di squadra. Il Tar ha confermato la nostra linea. Tutte le autorizzazioni erano scadute e in nessun modo poteva essere consentita la realizzazione di un’opera dall’altissimo impatto su un’area di pregio naturalistico limitrofa al fiume Sele. Gli impianti di energie rinnovabili sono una ricchezza da sposare non da avversare. Ma la scelta dei luoghi in cui consentire la nascita di questi impianti è determinante. Assolutamente infelice la scelta dei luoghi e inaccettabile il tentativo di voler procedere comunque pur non avendo mai ricevuto dall’Ente Riserve alcun nulla osta essendo vietata in area protetta la realizzazione di questa tipologia di opere”.

Il procedimento ha inizio nel 2018, quando l’Ente Riserve deposita per tramite dell’avvocato De Vita un ricorso al Tar contro la società Valva Energia. Motivo del contendere era l’aver rilevato il via libera alla costruzione di un impianto eolico da 30 MW in una zona sottoposta a tutela ambientale e facente parte di un’area S.I.C. (Sito di Importanza Comunitaria). L’autorizzazione dalla Regione era stata ricevuta nel 2008 attraverso diversi decreti senza però interpellare l’Ente Riserve così come invece prevedono gli obblighi di legge. Nel 2011 l’impresa era stata autorizzata all’esproprio dei terreni, senza mai far partire i lavori. Nel 2016 la Valva Energia aveva ottenuto una prima proroga per la messa in opera dell’impianto alla quale nuovamente non aveva fatto seguito alcun intervento, fino ad arrivare ad una seconda dilazione dei tempi per gli espropri.

“Ora massima attenzione a quanto avverrà nel prossimo futuro – avvisa Briscione – All’interno del territorio dell’Ente opere di questo tipo sono vietate. Avevano pensato di poter evitare problemi rimuovendo semplicemente le pale ricadenti all’interno della perimetrazione della Riserva, tenendosi poco fuori dalla stessa. Siamo invece riusciti a tutelare anche le zone limitrofe”.

– Claudia Monaco – 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*