La Polizia di Stato ha arrestato a Potenza il 36enne C.R., ritenuto responsabile di atti persecutori.

Dalle indagini svolte a seguito di una denuncia è emerso che l’uomo non riuscendo a superare la delusione dovuta alla fine della propria relazione sentimentale e convinto che la sua ex compagna intrattenesse una nuova relazione con il suo datore di lavoro, si è recato in più occasioni presso il posto di lavoro della ex minacciandola ed aggredendola fisicamente.

Il 36enne avrebbe inoltre seguito l’auto del datore munito di un’accetta ed una volta affiancato l’ha prima minacciato e poi con l’accetta gli ha spaccato il parabrezza dell’auto.










In un’ulteriore occasione, di fronte ad un nuovo atto di violenza diretto verso la stessa vittima, è intervenuta una guardia giurata casualmente da quelle parti, in seguito colpita al volto con un pugno dall’aggressore.

La Procura della Repubblica ha ritenuto di avanzare richiesta di misura cautelare in carcere, già accolta dal Gip del Tribunale del capoluogo.

L’indagato è stato così condotto nel Carcere di Potenza.

-Claudia Monaco –





















Scrivi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*