Il Comune di Agropoli è risultato assegnatario di due compostiere di comunità con capacità singola non inferiore a 60 tonnellate, comprensive di kit accessorio costituito da pesa, biotrituratore, vaglio, sensori per misurazione valori, maturatore statico.

Saranno posizionate presso due istituti scolastici cittadini muniti del servizio di mensa scolastica. Il Comune ha aderito, alcuni mesi fa, all’avviso pubblico della Regione Campania per la manifestazione di interesse relativa alla localizzazione di impianti di compostaggio di comunità per il trattamento della frazione organica dei rifiuti urbani. Nei giorni scorsi, la Regione ha comunicato agli uffici il buon fine della richiesta.

A breve – afferma il sindaco Adamo Coppolacollocheremo le due compostiere assegnateci dalla Regione presso due scuole cittadine. Si tratta di un progetto sperimentale, che rientra nell’ambito di un progetto scolastico teso a far comprendere ai discenti come avviene l’operazione di compostaggio della frazione organica, che da rifiuto può diventare una risorsa per la terra”.

Il compost, una volta prodotto, verrà donato a chi ne farà richiesta per utilizzarlo in agricoltura. Le compostiere saranno chiuse ermeticamente al fine di evitare la dispersione di cattivi odori. Sia l’opera che il servizio sono a carico della Regione Campania. Qualora la sperimentazione fornisse riscontri positivi, in futuro, il compostaggio di comunità potrebbe essere previsto anche per i diversi quartieri cittadini.

– Chiara Di Miele –

Scrivi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*