Sono trascorsi 24 anni da quella tragica sera del 10 luglio 1996 quando l’Agente Scelto della Polizia di Stato Francesco Tammone, in servizio presso l’Ufficio Prevenzione Generale e Soccorso Pubblico di Potenza, di pattuglia durante un servizio di controllo del territorio in un quartiere periferico del capoluogo potentino, veniva colpito a morte da alcuni colpi di pistola esplosi da un pregiudicato del posto, in regime di semilibertà. Francesco lasciava la giovane moglie Claudia e la figlioletta Stefania, avuta da appena 2 mesi.

Nella ricorrenza dell’anniversario della morte, il Questore della provincia di Potenza Antonino Pietro Romeo, alla presenza del Prefetto di Potenza Annunziato Vardé e dei familiari del poliziotto scomparso ha deposto una corona di alloro per conto del Capo della Polizia – Direttore Generale della Pubblica Sicurezza dinanzi alla lapide intitolata a Francesco Tammone nell’atrio della Questura.

Alla cerimonia commemorativa ha partecipato, tra gli altri, una rappresentanza del personale della Polizia di Stato di Potenza e provincia, seppur esigua nel rispetto delle norme anti-Covid, ed una delegazione delle sezioni ANPS (Associazione Nazionale Polizia di Stato) di Potenza e Melfi con i rispettivi labari.

Il Questore Romeo ha ricordato il sacrificio dell’Agente Scelto Tammone esprimendo parole di conforto e di vicinanza ai familiari, esaltando il coraggio e la dignità con cui, ogni giorno, affrontano il grave lutto che li ha colpiti.

Alla deposizione della corona è seguito un momento di preghiera officiato dal Cappellano della Polizia di Stato Padre Alberto Rosciano.

– Paola Federico –

 

 

 

Scrivi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*