Si è svolto ieri, presso il Polo Culturale Cappuccini a Sala Consilina, il convegno “Pace Fiscale: chi può usufruirne e come fare?“.

I saluti sono stati affidati a Michela Lobosco, dell’associazione ARTIS di Atena Lucana, al sindaco Francesco Cavallone e al presidente dell’Ordine dei Dottori Commercialisti e degli Esperti Contabili di Sala Consilina Nunzio Ritorto. L’incontro è stato moderato dal Giudice Tributario delle Commissioni Tributarie Provinciali e giornalista, Pietro Cusati.

Ci dobbiamo soffermare sulla natura del Decreto legge e sull’ambito di applicazione nel procedimento amministrativo tributario – dichiara Giuseppe Buonadonna, docente di Diritto Tributario dell’Università di Salerno e dirigente superiore Agenzia delle Entrate – L’obiettivo fondamentale è l’estinzione delle sanzioni per effetto di talune fattispecie che vengono proposte dai soggetti di imposta, che devono cooperare in vista del premio. Il Decreto prende in considerazione i processi verbali e possiamo accedere alla definizione agevolata se abbiamo ricevuto un processo verbale di constatazione. Non è necessario definire tutte le attività per accedere alla definizione agevolata, dove è stata omessa un’agevolazione si può accedere con una vertenza. E’ ammesso l’accesso anche in casi in cui vi siano delle indennità”.

Presente il commercialista e revisore contabile, collaboratore Rai e autore di riviste del settore e del libro “Dammi Tregua” Gianluca Timpone. “Esistono due forme di definizione agevolata: la rottamazione e il saldo e stralcio – aggiunge – Con la rottamazione ter paghiamo una o più cartelle esattoriali in 18 rate per 5 anni. Con il saldo e stralcio vi è uno sconto anche per le eventuali imposte non pagate. Se ho i requisiti per poter aderire al saldo e stralcio posso presentare la domanda, previa revoca della richiesta di rottamazione. Se non ho presentato domanda per una delle due forme, presentandola per il saldo e stralcio vengo reindirizzato alla rottamazione ter”.

Presenti per spiegare in cosa consistono le agevolazioni e come compilare i moduli Maria Stella Ambrosi, consulente del lavoro fiscale e tributario, e Giovanni Borgia, consigliere dell’Ordine Consulenti del Lavoro di Salerno.

– Annamaria Lotierzo –

 

Scrivi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*