Il 31 dicembre 2021 è stata emanata la nuova Legge di Bilancio contenente importanti novità che, su larga scala, interessano sia cittadini che imprese e lavoratori.

Tra le novità, particolare attenzione deve essere posta sulla nuova riforma pensionistica introduttiva della “quota 102” (che supera e sostituisce “quota 100”) nonché la proroga di un anno di “Opzione Donna” e “Ape sociale” con ampliamento dell’elenco delle mansioni categorizzate usuranti ovvero gravose. Infine, ulteriore rilevante novità è rappresentata dal passaggio della gestione sostitutiva dipendenti editoriali dall’INPGI all’INPS.

Quelle appena menzionate rappresentano le principali innovazioni introdotte dalla Legge di Bilancio 2022 nell’ambito pensionistico, della previdenza e dell’assistenza, a cui è dedicato il Titolo IV del suindicato provvedimento.

Queste, in dettaglio, le principali misure e novità previste:

  • Introduzione di “Quota 102” in sostituzione di “Quota 100”, sottolineando che quest’ultima potrà sempre essere richiesta purché siano maturati i requisiti richiesti entro il 31/12/2021. La quota 102 prevede nuovi parametri per la pensionabilità anticipata, che coincidono con 64 anni di età anagrafica e 38 anni di anzianità contributiva per i soggetti che maturano i requisiti nell’anno 2022.
  • Anticipo pensionistico a 62 anni per i dipendenti delle PMI in situazione di crisi: viene istituito nello stato di previsione del Ministero dello sviluppo economico un fondo con una dotazione di 200 milioni di euro per il triennio 2022-2024, destinato a favorire l’uscita anticipata dal lavoro dei lavoratori dipendenti di piccole e medie imprese in crisi, che abbiano raggiunto un’età anagrafica di almeno 62 anni.
  • Proroga e ampliamento dell’APE sociale con relativo ampliamento dell’elenco delle professioni considerate pesanti o gravose. I requisiti comuni alle differenti categorie di beneficiari sono il compimento del 63° anno di età e la cessazione dell’attività lavorativa. I requisiti di contribuzione differiscono, invece, in base alla categoria di appartenenza:

– 30 anni di contributi per i disoccupati di lungo corso, per i caregiver e gli invalidi dal 74 per cento;

– 36 anni per gli addetti ai lavori gravosi;

– 32 anni per gli operai edili, come indicati nel Ccnl per i dipendenti delle imprese edili e affini, per i ceramisti e i conduttori di impianti per la formatura di articoli in ceramica e terracotta

  • Proroga OPZIONE DONNA per il 2022 con un anticipato trattamento pensionistico riconosciuto alle lavoratrici che entro il 31 dicembre 2021 hanno maturato un’anzianità contributiva pari o superiore a trentacinque anni e un’età pari o superiore a 58 anni per le lavoratrici dipendenti e 59 anni per le lavoratrici autonome.
  • Assorbimento di INPGI in INPS.
  • Ampliamento dell’elenco dei lavori ritenuti usuranti o gravosi con inserimento delle seguenti nuove categorie: insegnanti di scuola primaria e dell’infanzia e professioni assimilate, tecnici della salute, addetti alla gestione dei magazzini e professioni assimilati, professioni qualificate nei servizi sanitari e sociali, operatori della cura estetica, artigiani, operai specializzati, agricoltori, conduttori di impianti e macchinari per l’estrazione e il primo trattamento dei minerali, operatori di impianti per la trasformazione e lavorazione a caldo dei metalli, conduttori di forni ed altri impianti per la lavorazione del vetro, della ceramica e di materiali assimilati.
  • Proroga del Contratto di espansione per un altro biennio e cioè fino al 2023: i datori di lavoro del settore privato ammessi dovranno avere un organico aziendale non inferiore a 50 unità lavorative, soglia raggiungibile sia dalla singola impresa sia calcolata complessivamente nelle ipotesi di aggregazione stabile di imprese con un’unica finalità̀ produttiva o di servizi.

La nuova Legge di Bilancio contiene dunque grandi novità soprattutto in merito alle misure introdotte negli ultimi anni in materia previdenziale e che coinvolgono direttamente la vita di milioni di lavoratori, aprendo la strada ad una possibile riforma organica del sistema previdenziale che potrà partire già dal 2023.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

This site is protected by reCAPTCHA and the Google Privacy Policy and Terms of Service apply.

Per continuare a leggere non usare il blocco delle pubblicità sul nostro giornale.

La pubblicità è l’anima del commercio e senza di essa non potresti leggere le notizie che ti interessano