Giuseppe Gibboni, violinista originario di Campagna, si è aggiudicato nei giorni scorsi il prestigioso Premio Paganini, conferito nell’ambito delle più importanti competizioni violinistiche mondiali.

Il giovane musicista ha prevalso su 102 concorrenti provenienti da ogni parte del mondo e dopo 24 anni il Premio è tornato in Italia. L’ultima volta che un italiano aveva vinto è stato nel 1997 con Giovanni Angeleri.

Il violinista 20enne ha eseguito davanti alla giuria il “Concerto n.1” di Paganini e “Concerto per violino” di Ciajkovskij. Emozionato, ha dedicato la vittoria a tutti coloro che gli sono stati vicino negli anni della formazione e alla sua famiglia.

Insieme alla notizia della vincita del Premio Paganini, l’Accademia di Santa Cecilia ha reso noto che nei concerti di oggi, domani 5 novembre e sabato 6 novembre della Stagione Sinfonica, la violinista Veronika Eberle, ammalata, verrà sostituita da Giuseppe Gibboni.

Il debutto sul palcoscenico del Santa Cecilia è del tutto inaspettato. Il 20enne, che si esibirà al fianco del neo direttore musicale della Netherlands Philharmonic Orchestra e della Dutch National Opera di Amsterdam, Lorenzo Viotti, ha deciso di esordire con il “Concerto per Violino” di Caikovskij, suo cavallo di battaglia. Il resto del programma, invece, resterà invariato.

 

 

 

Per continuare a leggere non usare il blocco delle pubblicità sul nostro giornale.

La pubblicità è l’anima del commercio e senza di essa non potresti leggere le notizie che ti interessano