socialmediavallodidianoIl gruppo Facebook “Notizie dal Vallo di Diano” è stato fondato da Gianfranco Stabile nel 2008. Il gruppo è nato con l’obiettivo di offrire notizie “brevi ed asciutte” sugli avvenimenti del Vallo di Diano. Tutti, cittadini e giornalisti professionisti, possono contribuire all’aggiornamento dei contenuti rispettando poche semplici regole: massimo 1000 battute, niente invenzioni, rispetto delle idee altrui. Il gruppo negli anni si è sviluppato moltissimo grazie al continuo e costante aggiornamento delle notizie che in esso vengono pubblicate. Attualmente il gruppo conta 2731 membri. Per saperne di più abbiamo intervistato uno degli amministratori del gruppo, Gianfranco Stabile.

  • D. – Gianfranco, com’è nata l’idea di creare il gruppo “Notizie dal Vallo di Diano”? Con quali obiettivi?

R. – “Per gioco, allo scopo di dare informazioni di pubblica utilità: i bandi dei comuni nell’edilizia popolare o per servizi ai bisognosi ne è un esempio”

  • D. – Ci racconti qualche esperienza che ti colpito particolarmente nella gestione del gruppo?

R. – “Direi che l’espansione del gruppo è la cosa che mi ha sorpreso di più e mi ha anche fatto capire le potenzialità di Facebook. All’inizio pensavo che non avrei mai superato 100 iscritti”

  • Gianfranco_StabileD. – Quali sono secondo te punti di forza del gruppo? Quali invece i rischi?

R. – “Il punto di forza principale è la possibilità per tutti di informare dal basso. Ci sono anche dei contro, per esempio il fastidioso spam di notizie non attinenti al gruppo o, peggio ancora, di notizie pubblicitarie e auto-promozionali. Queste ultime mi prendono la maggior parte del tempo che dedico al gruppo”

  • D. – Com’è stato accolto questo gruppo nel Vallo di Diano?

R. – “Non ho fatto sondaggi o indagini in merito ma mi pare benino. La gente apprezza il fatto di poter essere protagonista nella formazione e divulgazione delle notizie”

  • D. – Cosa può rappresentare, in prospettiva futura, il gruppo “Notizie dal Vallo di Diano”?

R. – “Continuare ad essere quello che è: un luogo di aggregazione tra persone civili nel rispetto reciproco”

  • D. – Pensi che il gruppo “Notizie dal Vallo di Diano” contribuisca a svuotare le piazze o è una via per ripopolarle?

R. – “Affatto. Le piazze sono vuote a causa della mancanza di potere di acquisto. Nel mondo materiale di cui facciamo parte se non puoi spendere, ostentare, non sei nessuno. Ecco, molti oggi non possono comprare, ostentare, e rimangono a casa. E’ un errore grave, ma credo che alla lunga si tornerà ai vecchi valori e a dare peso alle cose che contano”

  • D. – Che ne pensi dell’informazione locale del Vallo di Diano?

R. – “Molto mediocre, fossilizzata sui fatti (incidenti stradali, tragedie, con stucchevoli ritorni sui funerali e sull’esposizione del dolore altrui) e quasi per niente improntata all’inchiesta, all’esposizione e all’analisi dei problemi della gente”.

– Fabrizio Carucci – ondanews –

 

Commenti chiusi