Il Presidente della Regione Basilicata Vito Bardi ha presentato, nel corso della seduta del Consiglio regionale che si è tenuto ieri, il Documento economico e finanziario (Def).

Dopo aver illustrato le direttive europee e nazionali riguardanti i principi che regolano i documenti economici e finanziari nella pubblica amministrazione, Bardi ha introdotto i contenuti dello strumento. “Il Def – ha dichiarato – rappresenta uno degli strumenti della programmazione regionale e deve descrivere le politiche da adottare, gli obiettivi della manovra di bilancio regionale ed esporre il quadro finanziario unitario regionale di tutte le risorse disponibili per il perseguimento degli obiettivi. Il corposo documento, circa 300 pagine, parte da premesse metodologiche e si addentra negli scenari di riferimento, da quello internazionale e nazionale a quello regionale, analizzando gli andamenti settoriali della demografia di impresa nonché le interazioni regionali con il mercato”.

La base statistica imposta dall’andamento demografico impone una valutazione del mercato del lavoro, unitamente al sistema dell’istruzione, alle misure per la lotta alla povertà e alle misure ecosostenibili messe in campo. Capitoli specifici riguardano poi l’agricoltura e lo sviluppo rurale. “Abbiamo anche dedicato – prosegue Bardi – un capitolo alle ragioni del cambiamento e allo stato di attuazione dei programmi operativi 2014-2020 nelle diverse declinazioni operate in stretto coordinamento con le autorità di gestione del Ministero per il Sud e per la coesione territoriale. Sono stati analizzati in appositi capitoli il contesto istituzionale e l’organizzazione del personale. Non meno importanti le diverse aree sul lavoro, il welfare, l’istruzione e le competenze e sulla sanità. Abbiamo dedicato un’appendice al contributo della Regione Basilicata al raggiungimento degli obiettivi comuni di Agenda 2020-2030 per lo sviluppo sostenibile quanto mai di attualità per il futuro che ci aspetta. La relazione programmatica contiene quelle ragioni del cambiamento da me presentate il 29 maggio del 2019 al Consiglio regionale”.

Per una efficace funzione, come spiegato dal Presidente, l’azione di governance si fonda su alcuni pilastri cardine: la riorganizzazione della macchina regionale per migliorare la qualità dei servizi, la rimodulazione e la concentrazione dei fondi europei per un uso efficiente e per creare sviluppo, il confronto permanente con le categorie e le parti sociali. Per rendere la regione competitiva in un contesto nazionale ed internazionale la strategia proietta al primo punto l’ammodernamento delle infrastrutture viarie e la rimodulazione del piano dei trasporti su gomma:”Il turismo è una risorsa che va valorizzata attraverso l’attuazione di un nuovo piano turistico regionale che si interseca con un piano straordinario sul lavoro. Vogliamo mettere in campo una moderna politica del lavoro con progetti specifici e non con misure assistenziali per ridare dignità alle persone che sono state espulse dal mercato del lavoro. Saranno promosse politiche a sostegno della ricerca applicata che coinvolgeranno il sistema universitario lucano per offrire nuove opportunità di occupazione ai nostri laureati. E’ questo un modello per le aree interne per ridurre il tasso di spopolamento e creare le pre condizioni per uno sviluppo socio economico“.

L’agricoltura rappresenta un settore particolarmente importante per l’economia lucana con un significativo impatto sulla dimensione sociale. “Bisognerà valorizzare i prodotti a chilometro zero e tutelare i presidi slowfood – sottolinea a tal proposito Bardi -. La difesa delle produzioni agricole passa necessariamente attraverso la difesa dell’ambiente. La Regione Basilicata si doterà di un piano paesistico che coinvolgerà tutti gli attori interessati. Il piano è in fase di attuazione e dovrebbe vedere la luce al più presto. La tutela del paesaggio passa anche attraverso un netto no all’eolico selvaggio e all’accelerazione degli interventi in materia di rischio idrogeologico per mettere in sicurezza il territorio”.

Il nuovo piano regionale dei rifiuti sarà modulato sulla effettiva necessità così come l’impiantistica. “La regione – afferma il Presidente – con i suoi bacini idrici soddisfa i bisogni oltre che del nostro territorio anche della Puglia e della Calabria. Obiettivo primario è quello di riacquistare centralità sul tema della gestione della risorsa idrica. Particolare attenzione verrà dedicata al tema delle estrazioni petrolifere. La priorità sarà il rispetto dei patti già stabiliti e dovremo poi rinegoziare i termini delle spese. Le linee direttive che guideranno l’azione del governo regionale saranno il rispetto delle condizioni ambientali e di salute dei lucani. La sanità regionale va ripensata. Un nuovo piano regionale punterà su utilizzazione delle strutture diffuse sul territorio, potenziamento di alcuni ospedali per farne dei poli specialistici, assegnazione di nuovi luoghi ai medici di famiglia in special modo per la prevenzione, attivazione negli ospedali periferici e nei distretti extraospedalieri di attività specialistiche e ambulatoriali periodiche, ampliamento dei programmi di ospedalizzazione domiciliare attenzionando i piccoli presidi ospedalieri, creazione di una rete oncologica per le patologie di maggiore incidenza a Potenza e a Matera”.

“Questa è solo una sintesi – ha concluso Bardi – nella consapevolezza che continueremo con l’aiuto di tutti a far crescere la Basilicata nell’esclusivo interesse dei cittadini”.

– redazione –

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*