La Festa di questo Primo Maggio è carica di preoccupazioni, contraddizioni e ferite profonde che dilaniano la vita quotidiana delle persone. Lo spirito della festa, già ridimensionato dall’endemica crisi del mercato del lavoro (oggi +21mila i disoccupati) che segna la storia di questo Paese da anni, è fortemente compromesso dai dati forniti da Istat; 945mila le persone che hanno perso la loro fonte di reddito – il lavoro – dal febbraio 2020 ad oggi, di cui 277mila nel primo trimestre 2021“.

Così in una nota stampa, alla vigilia della Festa dei Lavorati, interviene l’ACLI Nazionale (Associazioni Cristiane Lavoratori Liberi).

A questi si aggiungano i quasi 2 milioni di persone costretti alla Cassa Integrazione, con un’evidente incidenza sulla qualità del proprio reddito e degli stili di vita, e se non bastasse, il rischio non ancora domato, dello sblocco dei licenziamenti che a fine giungo potrebbe interessare una platea di lavoratori enorme, che si aggira tra le 60.000 e le 100.000 unità lavorative – si legge nel documento -. Ma il dato per cui sentiamo dover lanciare un grido d’allarme riguarda il ‘popolo degli inattivi‘: oltre 700mila persone che descrivono senza equivoci lo stato d’animo di una parte del Paese, delusa e scoraggiata, che sceglie di rinunciare ad assicurarsi un futuro. Il periodo di pandemia, dunque, amplifica le fragilità strutturali del Paese e impoverisce le nostre comunità, non solo sotto il profilo materiale ma anche umano e relazionale, dilatando le fratture tra élite e popolo, tra politica e persone, tra ‘garantiti’ e non“.

Mentre si licenzia il Piano di Sviluppo e Resilienza, le ACLI avanzano al Governo delle proposte:

  • la proroga del blocco dei licenziamenti ed un Piano di rilancio dell’occupazione attraverso la riqualificazione delle professioni ed interventi di politica attiva a cui unire una seria infrastrutturazione del sistema;
  • un tavolo per l’inclusione lavorativa che valuti come, e con quali percorsi, gli investimenti mobilitati da Next Generation UE possano contribuire all’inserimento lavorativo delle persone in condizione di maggiore fragilità e che introduca una “clausola sociale” in base alla quale le concessioni pubbliche ai privati devono prevedere l’inclusione di una quota di lavoratori appartenenti alle fasce deboli in progetti di nuova imprenditorialità sociale da avviare nelle e con le comunità locali;
  • reti di impresa più forti e allargate alla partecipazione del Terzo Settore non commerciale per favorire il consolidamento di un nuovo welfare, l’alternanza scuola-lavoro, l’inclusione lavorativa;
  • Incentivi per i lavoratori che acquisiscono la propria azienda (workers buyout);
  • rafforzare i contratti di solidarietà;
  • Rilancio dei patti territoriali, come forme di co-programmazione allo sviluppo;
  • infrastrutture per unire e connettere i territori periferici;
  • più risorse alla cooperazione allo sviluppo;
  • un Pilastro Europeo dei diritti sociali, vincolante per tutta l’UE, che includa politiche sui migranti, contro il dumping contrattuale e per una fiscalità minima obbligatoria per tutti i paesi;
  • messa al bando dei contratti di lavoro povero;
  • una riforma che vincoli gli ammortizzatori sociali allo sviluppo delle politiche attive e che sia universale;
  • un patto per la pace e la cooperazione nel Mediterraneo che preveda l’introduzione di corridoi umanitari e obblighi a riscoprire la centralità del Mezzogiorno nel contesto interculturale e di interdipendenza economica di quest’area.

Ristori, sostegni e sussidi, sono rimedi e non soluzioni, ancorché non sufficienti infatti, hanno mostrato forti vulnerabilità nella loro scarsa universalità ed utilità – commentano la ACLI -. Misure che porgono il fianco ad un precariato strutturale, che non è flessibilità, ma insicurezza ed obbligata mobilità sociale e territoriale. Le persone non possono scegliere fra lavoro precario ed un non lavoro.

La preoccupazione che esprimiamo come ACLI salernitane – afferma il Presidente Daniele Manzolilloè quella per un lavoro che manca, unita alla consapevolezza di misurarsi, male equipaggiati, con un lavoro che cambia. Ci preoccupano le donne e gli uomini del lavoro, ognuno con una storia personale che ha una sua dignità ed originalità, storie che i dati aggregati della pandemia non sanno raccontarci. Per queste ragioni ci sarà sempre più bisogno di imprenditori che contemperino profitto ed etica del lavoro nel rispetto della dignità umana. Non può rassicurarci il pensiero che solo alcuni siano al sicuro. Lo spirito della Festa del Primo Maggio è inclusivo: risiede nella consapevolezza di dover sortire insieme delle difficoltà e preoccupazioni di coloro che un lavoro non ce l’hanno o lo hanno perso, di quelli che probabilmente lo perderanno, di quelli che si sono arresi a cercarlo e di quelli che, pur mantenendone uno, devono farlo dentro una prospettiva di incertezza e fatica.

Come corpo intermedio e movimento popolare, le ACLI salernitane sono determinate a lavorare per assicurare uno sforzo straordinario “capace di ricucire gli strappi di questo tempo, per assistere le persone, affiancarle e tutelarle dentro gli spazi di servizio al cittadino, attraverso la rete dei Servizi e dei Circoli, presidi di socialità, che con fatica restano aperti per non abdicare alla loro funzione di sentinelle del territorio”.

Da ultimo – si legge nella nota delle ACLI – rivolgiamo un pensiero alle donne, che continuano a sostenere sforzi enormi per ricomporre le fratture provocate dalla pandemia, conciliando con estrema fatica la vita lavorativa con quella di cura degli affetti, ed al mondo giovanile, così provato da questo periodo, in cui le mura domestiche sono diventate scuola, palestra e luoghi di surrogata socializzazione.

– Paola Federico –

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*