Sull’apertura della mobilità tra regioni si è aperta oggi pomeriggio la diretta del Presidente della Regione Campania, Vincenzo De Luca. “Se in un territorio c’è un numero altissimo di contagiati – ha esordito – questo territorio deve avere delle limitazioni alla mobilità. Ma ancora oggi non abbiamo da parte del Governo la definizione di un criterio. Ci auguriamo che faccia delle scelte ragionevoli con l’obiettivo di evitare il contagio. Cercheremo di tutelare fino in fondo la situazione epidemiologica della nostra regione. Continuo ad avere una grande preoccupazione perchè vedo troppa gente tranquilla“.

Volgari, stupide e intollerabili” sono state definite da De Luca le guerre tra Nord e Sud. “La Campania ha sempre difeso l’unità d’Italia – ha affermato – e lancio un messaggio di solidarietà agli amici della Lombardia, al collega Fontana per le minacce avute“.

Sulla scelta della data delle elezioni regionali De Luca ha definito l’atteggiamento del Governo come “irresponsabile”. “In Italia abbiamo aperto tutto, – ha spiegato – diventa ridicolo impedire che si vada a votare da qui a due mesi, a fine luglio. Chi non vuole andare a votare sono le forze di opposizione, hanno paura, vogliono prendere tempo. Provate a immaginare di andare a votare il 20 settembre. I ballottaggi avverrebbero ad ottobre, quando avremo l’epidemia influenzale e un prevedibile ritorno di Covid. Come si può aprire la scuola a settembre se poi il 20 si dovrebbe votare?“.

De Luca è intervenuto anche sul Decreto Rilancio e sulla penalizzazione delle ex “Zone Rosse” campane, tra cui il Vallo di Diano. “Gli emendamenti servono a dare una mano ad Ariano Irpino e al Vallo di Diano – ha chiarito – e ho fatto presentare emendamenti che riguardano la Sanità, perchè ogni anno la Campania nel riparto nazionale viene derubata di 300 milioni di euro. Cerchiamo di fare cose civili sui 3 miliardi e 100mila di risorse aggiuntive per recuperare almeno la metà del divario che c’è“.

De Luca è intervenuto anche sulla figura degli assistenti civici:”Il Governo ha deciso questa straordinaria operazione mistica. 60mila volontari possono fare la multa a chi non porta la mascherina o controllare la movida? No. Che cosa devono fare? Ci è stato risposto che possono fare moral suasion, cioè gli esercizi spirituali. Vedremo 60mila persone andare in giro con il saio con sopra scritto ‘Pentiti, è colpa tua’“.

La diretta è proseguita poi con l’analisi dell’attuale situazione sociale e sanitaria in Campania. Da oggi verranno accreditate le pensioni al minimo raddoppiate per due mesi (230mila anziani), parte anche il contributo integrativo per quattro mesi agli stagionali del turismo e diversi sono gli incontri in questi giorni con singole categorie. “Abbiamo deciso di riaprire le attività di Wedding da metà giugno – ha ricordato De Luca – e abbiamo preso decisioni per rimodulare le ordinanze. Fino all’una di notte è prolungato l’orario dei bar, ma la vendita di alcolici per asporto fuori dai locali sarà vietata alle 22. Voglio rivolgere un saluto affettuoso ai ragazzi che escono di sera, il 90% sono bravissimi e cercano di vivere in allegria. Ma noi lavoriamo per tutelarli, come il 90% dei gestori di bar e pub che sono perbene. Il nostro problema è fare in modo che il 10% di irresponsabili non creino problemi. Vogliamo che parta la movida, con momenti di serenità, senza violenza, senza cafonerie e atti di bullismo. Ci regoleremo a seconda dell’andamento dell’epidemia e credo che consentiremo anche ai Comuni di fare richiesta per aprire pezzi di città in deroga agli orari fissati dalle ordinanze. Siamo orientati ad avere il massimo di apertura, creando economia e ricchezza ma per sempre, non per finta”.

– Chiara Di Miele –

 

Scrivi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*