Un nuovo studio condotto in Texas dall’equipe del professor Mikhail Kolonin, appena pubblicato sulla rivista Nature Communications, mostra che nei tumori alla prostata il grasso può venir mobilitato dal tumore e fornire del carburante che ne promuove crescita e proliferazione. Sovrappeso e obesità sono quindi dei fattori di rischio per le malattie oncologiche. Ma non solo: la ricerca ha evidenziato come nei pazienti affetti da cancro il grasso in eccesso sia anche associato ad una prognosi peggiore.

Queste le parole del prof. Kolonin, dell’Università del Texas: “Alcuni tumori si basano sul grasso per crescere in modo aggressivo. Abbiamo scoperto un network molecolare, senza il quale il grasso non favorisce più la crescita del tumore”.

Un interruttore in grado di innescare la cascata di eventi che porta inevitabilmente alla crescita dalla massa, quindi. I ricercatori hanno infatti identificato in una chemochina, la CXCL1, questo interruttore biologico. Quando attivata nel grasso in eccesso, la CXCL1 richiama le cellule stromali, progenitrici delle adipose, dal tessuto adiposo al tumore, dove vanno a rafforzare i vasi sanguigni che nutrono le cellule maligne.

Bloccandola in un modello murino, cioè un topo da laboratorio, di cancro alla prostata, gli studiosi hanno osservato un rallentamento della progressione tumorale indotta dall’obesità. Per valutare se negli esseri umani il meccanismo è lo stesso, gli studiosi hanno poi confrontato i livelli di questa proteina nelle cellule tumorali dei pazienti obesi e in quelli magri, rilevandone  una maggior presenza e attività nei pazienti grassi.

L’obiettivo degli autori texani è ora quello di ricercare approfonditamente i meccanismi molecolari che sono alla base di questo processo fisiologico, nella speranza di giungere presto a trattamenti efficaci in grado di bloccare l’azione della proteina nell’uomo.

L’esistenza di un nesso causale tra obesità e cancro è supportata da numerosi studi internazionali, che hanno portato recentemente ad introdurre nella comunità scientifica il nuovo termine “adiponcosi”, derivato dalla fusione tra la parola latina “adiposis” (accumulo di grasso) e la parola greca “oncosis” (formazione di un tumore).

Bibliografia: www.la stampa.it – www.italiasalute.it – www.galileone.it – www.nursetime.it


 Farmacia 3.0 – Rubrica a cura del dott.Alberto Di Muria


 

 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

This site is protected by reCAPTCHA and the Google Privacy Policy and Terms of Service apply.