L‘ipertensione arteriosa non è una malattia ma un fattore di rischio ovvero una condizione che aumenta la probabilità che si verifichino altre malattie cardiovascolari come angina pectoris, infarto miocardico, ictus cerebrale. Per questo è importante individuarla e curarla per prevenire i danni che essa può provocare.

L’ipertensione arteriosa predispone a danni, anche importanti, sugli organi bersaglio, rappresentati prevalentemente da cuore, cervello, reni e occhi e fino a quando questi danni non si determinano può decorrere anche in maniera completamente asintomatica. Sul cuore l’ipertensione può creare alterazioni che vanno dall’ipertrofia ventricolare sinistra fino all’angina e all’infarto del miocardio. Non va inoltre sottovalutato il rischio di favorire aritmie come la fibrillazione atriale, che a sua volta può essere responsabile di ictus cerebrale. Sul cervello può determinare anche emorragie di vario grado per effetto di picchi ipertensivi oltre ad una sofferenza cronica che crea nel tempo danni irreversibili. Sui reni può portare a insufficienza funzionale di vario grado che a sua volta peggiora il controllo dei valori pressori e riduce la possibilità di utilizzo di alcuni farmaci antipertensivi. Sugli occhi può determinare la comparsa di danni racchiusi nel termine di “retinopatia ipertensiva”.

Oggi è possibile identificare precocemente la comparsa dell’ipertensione arteriosa tramite il controllo della pressione arteriosa meglio se eseguita nelle 24 ore utilizzando il cosiddetto Holter pressorio. La terapia può avvalersi di molti farmaci con meccanismi d’azione diversi e spesso sinergici tra loro.

L’uso di questi farmaci, però, non è esente dalla comparsa di effetti indesiderati e per questo può essere utile ricorrere a prodotti naturali, efficaci e ben tollerati, soprattutto nella terapia delle forme lievi e moderate di ipertensione arteriosa.

Di recente è disponibile in farmacia un integratore fitoterapico utile a favorire la regolarità della pressione arteriosa basato sull’azione dell’Olivo, usato nelle forme di ipertensione moderata per il suo effetto sul metabolismo del sodio e del potassio sia a livello del sangue che renale e per la sua azione antiossidante. Unito alla Betulla favorisce il drenaggio dei liquidi corporei attraverso una modesta attività diuretica.

Completano la formulazione il Biancospino, che regola la funzionalità dell’apparato cardiovascolare, la pressione arteriosa e l’ipertono cardiovascolare con un’azione diretta sulle pareti delle arterie e dei vasi sanguigni, riuscendo a dilatarle e rilassarle, l’Ananas, che tramite la bromelina ha un’attività decongestionante e di drenaggio dei liquidi, e l’Oxicyan, un complesso derivato da mirtillo e spirulina dotato di altissimo potere antiossidante.

Bibliografia: www.humanitas.it – www.erbecedario.it – www.paginemediche.it


Farmacia 3.0 – Rubrica a cura del dott. Alberto Di Muria

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*