Anche Salerno e il Vallo di Diano hanno contribuito al supporto sanitario alle zone del Centro Italia colpite dal terremoto del 24 agosto.

La Croce Rossa Italiana, grazie all’impegno del Rotaract Distretto 2100, oggi ha inviato nell’area terremotata numerosi medicinali, tra cui molti “salvavita”, per un valore di circa 8000 euro.

Il direttore della CRI di Salerno Antonio Carucci, il delegato tecnico di Area 3 dello stesso comitato Giuseppe La MuraRaffaele La Regina, farmacista di San Rufo, volontario CRI del gruppo di Polla e presidente del Rotaract Distretto 2100 di Sala Consilina, si sono recati a Roma per consegnare la prima parte della donazione alla farmacia centrale del Comitato Centrale della Croce Rossa Italiana. I medicinali saranno poi distribuiti nei centri colpiti dal sisma, mentre nei prossimi giorni sarà portato a Roma anche il resto della donazione. Il primo carico consta di 429 farmaci, tra cui quelli non generici e non acquistabili da chiunque perchè soggetti a ricetta limitativa.

Fin da subito abbiamo deciso di partecipare all’emergenza sisma con un’azione mirata – dichiara ad Ondanews Raffaele La Regina – e abbiamo pensato a tutti quei pazienti che sarebbero rimasti senza cure. Quindi abbiamo deciso di affidarci ad un partner importante come la Croce Rossa Italiana, che in poche ore ci ha fornito la lista dei farmaci necessari, tra cui alcuni salvavita come i nuovi anticoagulanti orali che prontamente abbiamo reperito e consegnato stamattina“.

All’interno del Rotaract Distretto 2100 è stata creata una task force di farmacisti che ha coordinato l’operazione. “La stanchezza è tanta – sottolinea La Regina – ma la gratitudine della direttrice della farmacia centrale della Croce Rossa è stato il premio più bello per questi giorni di fatica per reperire i farmaci e le informazioni. Tutto ciò non sarebbe stato possibile senza la collaborazione dei presidenti dei Club Rotaract del Distretto 2100 e senza il supporto logistico del Comitato di Salerno della Croce Rossa Italiana“.

– Chiara Di Miele –


 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*