Polemiche all’indomani dell’aggressione ad una donna di San Rufo da parte di un extracomunitario.

La donna si era recata a fare visita al cimitero quando è stata aggredita da un ragazzo extracomunitario. Un episodio che ha contribuito ad alimentare il clima poco sereno nel piccolo comune, noto per l’opposizione all’arrivo di 8 minori non accompagnati.

Sulla vicenda, è intervenuto Giuseppe Vitolo, segretario del movimento “Noi con Salvini- Vallo di Diano”.










“Voglio ringraziare le Forze dell’Ordine che come sempre svolgono un ottimo lavoro – ha dichiarato Vitolo ad Ondanews – il fatto avvenuto a San Rufo è gravissimo e conferma quello che diciamo da sempre, dietro all’accoglienza ci sono punti oscuri. Come mai questa persona si trovava a San Rufo? Come mai è scappata da un centro di accoglienza e non è stata segnalata? Questa non è integrazione, è solo questione di soldi“.

“La cosa sconvolgente è che la nostra legge permette a questa persona, in stato confusionale, di essere lasciata a piede libero. Preciso, il colore della pelle non c’entra, la penserei ugualmente con chiunque – ha concluso – è un fatto di sicurezza. Vorrei sapere se dopo le tante firme raccolte e questo episodio, è ancora il caso di continuare il progetto ministeriale previsto a San Rufo”.

– Claudia Monaco – 


  • Articolo correlato

23/04/2017 – San Rufo: donna aggredita da ragazzo extracomunitario nel cimitero. Intervengono i Carabinieri 

 

3 Commenti

  1. Paolo D'Esio says:

    Caro “fenomeno” Marcello Maria Perongini, penso che il suo intervento è alquanto grottesco. Pensa che l’attuale situazione politica Nazionale, sia colpa di Salvini ed i suoi sostenitori? Non pensa che stia esagerando? Se ne Vallo di Diano, c’è anche questa corrente, non penso sia così catastrofica come lei vuol dimostrare. Più che altro sia obiettivo dato che a me pare che le attuali amministrazioni legate al PD, e non a Salvini, stiano portando a problemi più gravi nel nostro beneamato Vallo. Basti pensare al Consorzio, alle lotte intestine di potere nella compagine locale del PD, il voler sovrastare l’altro, che sia amico o “nemico” in casa propria, a pensare ad attività più superflue che utili, come ad esempio di sagre e feste con fondi anche comunali, e non si riesce a garantire la sicurezza ad una persona indifesa recatasi al cimitero? Lei ha i paraocchi caro mio, si faccia un’esame di coscienza prima di additare Salvini, che in questo caso, non è causa scatenante di tutto…non trova?

  2. Albano Pasquale says:

    Episodi del genere potrebbero ripetersi, occorre prendere le giuste misure a tutela della popolazione.

    • Marcello Maria Perongini says:

      Hai ragione. Esiste la possibilità che queste oscenità continuino e rendano invivibile tutto il comprensorio. È per questo che bisogna ESILIARE dal Vallo di Diano tutte le forme di leghismo. Fuori Salvini dall’Italia e carcere duro ai suoi sostenitori. Solo così si potrá estirpare il morbo dell’idiozia e lasciarsi alle spalle finalmente il fascismo che continua a circolare nel nostro Paese.

Scrivi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*