La Banca Monte Pruno protagonista ieri sera su Rai 2 nel programma “Patriae” condotto da Annalisa Bruchi. Un approfondimento per sottolineare che anche in questo particolare momento l’Italia è un Paese pieno di energia, forza e pronto a reagire. In studio anche i giornalisti Alessandro Giuli e Aldo Cazzullo, il Sottosegretario allo Sviluppo economico Alessia Morani, l’imprenditore Matteo Marzotto e il commercialista Gianluca Timpone.

Il Decreto liquidità al centro della puntata andata in onda nella settimana che conduce alla Fase 2 dell’emergenza Covid-19. Una “potenza di fuoco” lo aveva definito il Presidente Conte, ma secondo molti imprenditori l’Italia sta ripartendo in ritardo e il divario con le economie industriali concorrenti sembra essere ampio. La mancanza di liquidità e la lenta burocrazia italiana non permettono, inoltre, di superare con facilità le difficoltà del momento. Questi i concetti chiave dell’appuntamento della seconda serata di Rai 2. L’impressione emersa nel corso del programma è che il Governo non abbia contezza del livello di povertà che il mondo imprenditoriale sta per toccare in seguito all’emergenza sanitaria.

Il Direttore Generale Michele Albanese e alcuni imprenditori del territorio di competenza della Banca Monte Pruno hanno fornito la loro preziosa testimonianza nel corso di un servizio realizzato da Valentina Noseda.

Poche le risorse arrivate alle imprese per fronteggiare l’emergenza e la conseguente crisi dovuta al blocco. 400 miliardi di euro promessi attraverso prestiti garantiti al 100% dallo Stato sotto i 25mila euro e tanti imprenditori che non hanno più la certezza della riapertura delle loro attività.

Andare in banca e chiedere un prestito, sebbene garantito dallo Stato, non esime la banca dal chiedere un’istruttoria – ha spiegato il Direttore Albanese nel corso dell’intervista -. Di liquidità con questo decreto ce n’è poca, bisogna dirlo. Altra nota dolente è che non si tratta di un prestito a tasso zero ma a tassi ordinari sui 25mila euro mentre sugli altri finanziamenti si tratta degli stessi tassi praticati per i finanziamenti soliti”.

Tra gli imprenditori protagonisti del servizio incentrato sulla Banca Monte Pruno anche Giuseppe Curcio delle Autolinee Curcio di Polla.

– Chiara Di Miele –

 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*