Il Comune di San Rufo partecipa all’iniziativa del Comune di Biella che ha inaugurato un monumento commemorativo ai Caduti della Prima Guerra Mondiale.

La Città di Biella, infatti, ha inaugurato il 17 marzo 2019, in occasione delle manifestazioni celebrative previste per la riunificazione d’Italia, una particolare installazione commemorativa presso l’area monumentale “Nuraghe Chervu” dedicata alla Brigata “Sassari” e ai Caduti biellesi della Prima Guerra Mondiale. Alcuni massi di “melafiro” estratti dalle vicine cave di Curino sono stati posati nel giardino a ricordo degli studi scientifici che il geologo Alberto Ferrero della Marmora compì nel territorio biellese prima del suo forzato trasferimento in Sardegna. Un posto che della Marmora amò, al pari delle genti che l’abitavano, componendo su di essa oltre cinquanta lavori scientifici, iniziati nel 1819. Le sue spoglie mortali sono custodite a Biella nella cripta della Basilica di San Sebastiano.

Nel centesimo anniversario delle celebrazioni della Grande Guerra, Biella ha avviato il completamento dell’area monumentale inserendovi un lastricato commemorativo composto da pietre provenienti da tutti i Comuni d’Italia affinchè la memoria collettiva affievolita sia invece ringiovanita e tramandata.

Fra pochi giorni in quell’area monumentale sarà presente anche la pietra inviata dal Comune di San Rufo con inciso il nome del paese e il numero dei caduti. L’iniziativa è stata fortemente voluta dal Sindaco Michele Marmo che non appena ha ricevuto la richiesta del Comune piemontese si è adoperato in prima persona con l’ausilio dei suoi collaboratori per la ricerca della pietra più adatta e per l’incisione sulla stessa del nome del paese e del numero dei sanrufesi morti nella Grande Guerra.

“Abbiamo aderito con entusiasmo a questa iniziativa degli amici biellesi – spiega Marmo – perché consideriamo il ricordo e la memoria dei nostri caduti un pilastro fondante della nostra comunità, che non si deve mai indebolire e deve essere tramandato alle future generazioni”.

– Claudia Monaco –

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

This site is protected by reCAPTCHA and the Google Privacy Policy and Terms of Service apply.

Per continuare a leggere non usare il blocco delle pubblicità sul nostro giornale.

La pubblicità è l’anima del commercio e senza di essa non potresti leggere le notizie che ti interessano