Con questa pandemia che si è abbattuta a livello planetario, una domanda sorge: “Che fare?” Risposta: “Niente, aspettare che tutto passi“. Anzi, facciamo finta che tutto sia finito e godiamoci questo “Dialogo” tra Diano e Sala, come sarebbe avvenuto nell’Ottocento.

DIANO [Teggiano] A SALA [Consilina]

Nun fa’ tanta sparapacchi,

ca nun servi ca ti ncacchi,

si tu tieni lu vaporu,

nuj tinimu Munsignoru,

lu Castieddu, lu spitalu,

quera bella Catidrala,

Santu Conu, l’ddacanu,

fignu le pesciu a lu Pantanu!

Trascrizione: “Non dire tante sciocchezze, non serve che ti arrabbi. Se tu tieni il treno a vapore, noi teniamo il Vescovo, il Castello, l’ospedale, quella bella cattedrale, Santo Cono, il decano e persino il pesce (le trote) nel fiume Pantano”.

SALA A DIANO

Ppi Giesù, che cosa è chissa?

Mu ti ricu ca si fissa.

Ri sardelli, trotti e tinche

e di granci int’a li sinchi,

statti cittu ca a la Sala

si li ppesca ccu la pala!

Ccu lu ccauru o ccu lu friddu,

ccu sequenzia e murtuiddu,

ri ranunchi n’inchiarrìa

Santu Stasiu e la Grancìa.

Statti a bbré tutti li ssiri

comu sònani li lliri!

I’ mu fazzu la Signora

e tu…ràspati a la mura!

Schiatta, vòmmica lu ffelu,

nun ni puoi ppi San Michelu!

Trascrizione: “Per Gesù, che cosa è questo? Ora ti dico che sei scemo. Di sardelle, trote e tinche, e di granchi nelle fenditure del terreno, a Sala si pescano con la pala! In ogni epoca e con ogni mezzo peschiamo quello che vogliamo noi. Stai a vedere come suonano le monete. Io adesso faccio la Signora…e tu aggrappati alla cinta muraria! Schiatta, vomita il fiele, noi abbiamo la protezione di San Michele”.

– Arturo Didier –

Per continuare a leggere non usare il blocco delle pubblicità sul nostro giornale.

La pubblicità è l’anima del commercio e senza di essa non potresti leggere le notizie che ti interessano