Si è spostata nello studio del commissario liquidatore della Ergon, Fabio Condemi, la protesta dei lavoratori della società per azioni partecipata del Consorzio di Bacino Salerno 3 che dallo scorso 29 maggio non hanno avuto la possibilità di rientrare al lavoro dopo aver frequentato un corso di qualificazione organizzato della Regione Campania.

I lavoratori, circa 30, che si occupano della raccolta e smaltimento dei rifiuti, questa mattina si sono presentati a Sassano nello studio del commissario liquidatore e non hanno intenzione di andare via fino a quando non saranno ricevuti.

Siamo stanchi, siamo esasperati e siamo disperati – hanno dichiarato all’unisono – dal 29 maggio non abbiamo saputo più nulla, ci sono state fatte solo promesse vane ma di fatto noi non sappiamo ancora quale sarà il nostro futuro. Il Commissario in questi 15 giorni si è visto solo una volta nella sede della Ergon e con il concordato preventivo ha bloccato anche la possibilità per noi di poter avere gli stipendi arretrati e tutto ciò che ancora ci spetta“.










– Erminio Cioffi –


  • Articoli correlati:

5/6/2017 – Crisi Ergon. I lavoratori minacciano di bloccare l’impianto di Polla

30/5/2017 – Rientrano a lavoro dopo l’aspettativa e trovano i cancelli chiusi. Protesta degli operai Ergon

Scrivi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*