Anche questo pomeriggio il Presidente della Regione Campania, Vincenzo De Luca, ha fatto il punto in diretta sulla campagna vaccinale, sulle riaperture, sulla situazione dei contagi e sulle scuole. 

Decidiamo di aprire le attività dopo il 26 – ha affermato – ma si può dire che apriamo di sera fino alle 22? La mia idea è, se non dobbiamo prendere in giro i ristoratori, di consentire l’apertura dei ristoranti fino alle 23 e il rientro a casa fino alle 23.30. Questa sarebbe stata una cosa ragionevole. Ritengo necessario avere il controllo da parte delle forze dell’ordine, ma ancora oggi mancano le decisioni fondamentali rispetto al controllo del territorio. L’Italia è abbandonata a se stessa e ad un anno di distanza io non trovo l’approvazione di un piano specifico di impiego delle forze dell’ordine per il controllo del territorio in funzione anti-Covid“.

Secondo De Luca la linea tra esigenza sanitaria e tutela di alcune funzioni economiche deve essere di equilibrio, “ma se non ci muoviamo con attenzione, ci giochiamo anche l’estate. Facciamo finta di aprire, ma poi saremo costretti a chiudere tutto. E’ ragionevole avere posizioni di prudenza, tuttavia non possiamo prendere in giro alcune categorie economiche e dobbiamo decidere subito, ad esempio per il comparto turistico-alberghiero, altrimenti tra due mesi è troppo tardi“.

Per le scuole, come disposto da ordinanza odierna, senza condizioni di sicurezza non si andrà oltre il 50% di lezioni in presenza:”Affrontiamo questo problema senza ideologismi. Vorremmo aprire tutto ma non è possibile. Riterrei ragionevole aprire la prima media e l’ultima classe delle medie superiori e poi chiudiamo l’anno scolastico perchè manca un mese. Mi auguro non si riaccendano focolai“.

Ancora polemico il tono contro il Governo centrale in merito ai vaccini:”Per quale motivo continuate a dormire in piedi e non chiedete ad Aifa di valutare gli altri vaccini disponibili, come Sputnik che potrebbe essere acquistato in milioni di dosi?“. La Campania, come spiegato da De Luca, si trova ad avere 200mila dosi di vaccino in meno:”E’ un atto di delinquenza politica!. E poi un appunto sul fatto che il Commissario straordinario, il Generale Figliuolo, vada in giro per il Paese in divisa militare:”Io credo che quando si ricoprono ruoli civili è inappropriato girare con abiti militari, perchè questo rischia di scaricare la polemica politica sull’immagine delle Forze Armate“.

In Campania la vaccinazione degli over 80 è stata completata e nei prossimi 10 giorni verranno vaccinate tutte le categorie fragili e gli over 70. Ci saranno anche giornate di vaccinazione libera per gli over 60, visto che molti non si sono presentati alla prima convocazione.

C’è un dato incontestabile che è quello di occupazione delle Terapie Intensive – ha spiegato – ed è l’unico vero che certifica il contagio in una regione. La Campania si sta muovendo con un rigore assoluto, restiamo la regione d’Italia con il livello più basso di occupazione di Terapie Intensive e di decessi per Covid. Questo misura realmente la gravità del contagio e da questo punto di vista siamo all’avanguardia“.

– Chiara Di Miele –

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*