Non è chiaro per quale ragione, in questa fase di emergenza, in Regione Campania non siano stati reclutati medici specialisti e specializzandi in Igiene e Medicina Preventiva, il cui campo di applicazione è proprio la gestione di un’emergenza come quella che ci troviamo ad affrontare. E non è un caso se il primo decreto emergenziale del Presidente del Consiglio dei Ministri del 6 marzo individui proprio questa specialità. Eppure nella successiva richiesta di ricognizione urgente della Regione Campania, tra le figure ricercate manca proprio quella dei medici di Medicina Preventiva, che si occupano esclusivamente di sanità pubblica”.

Così il consigliere regionale del Movimento 5 Stelle Luigi Cirillo, che sulla vicenda ha inviato una nota al Presidente della Regione Vincenzo De Luca e al consigliere alla Sanità del governatore, Coscioni.

Le Asl di altre regioni hanno già avviato un reclutamento straordinario per il settore dell’Igiene e della Medicina preventiva. Ci auguriamo – conclude Cirillo – che anche la Campania prenda in considerazione l’eventualità di reclutamento degli specialisti e degli specializzandi in Igiene e Medicina, così da colmare carenze di organico che sono ancora più evidenti nella fase emergenziale che ci troviamo ad affrontare”.

– Chiara Di Miele –

Scrivi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*