Vista l’emergenza legata all’allarme da Coronavirus e all’ultima ordinanza emanata dalla Regione Campania con cui si vieta l’ingresso fino al 3 aprile a chi proviene dalle cosiddette “Zone Rosse”, questa mattina alla Comunità Montana Vallo di Diano è stato convocato l’Ufficio intercomunale della Protezione Civile alla presenza dei Sindaci del comprensorio e del Capitano della Compagnia Carabinieri di Sala Consilina Davide Acquaviva.

Al termine dell’incontro è stata emanata una nota informativa urgente con cui si informano i cittadini che hanno fatto o faranno ingresso fino al 3 aprile dalla Lombardia, dalle province di Modena, Parma, Piacenza, Reggio Emilia, Rimini, Pesaro e Urbino, Alessandria, Asti, Verbano-Cusio-Ossola, Vercelli, Padova, Treviso e Venezia che hanno l’obbligo di comunicare tale circostanza al Comune e al medico di medicina generale ovvero al pediatra di libera scelta o all’operatore di sanità pubblica territorialmente competente.

Dovranno inoltre osservare la permanenza domiciliare con isolamento fiduciario, mantenendo lo stato di isolamento per 14 giorni  dall’arrivo con divieto di contatti sociali, osservare il divieto di spostamenti e viaggi, rimanere raggiungibili per ogni attività di sorveglianza e nel caso di comparsa di sintomi del Covid-19 avvertire immediatamente il medico di medicina generale.

I bar, i ristoranti, gli esercizi pubblici e similari dovranno continuare a seguire le disposizioni del Decreto del Presidente del Consiglio. Mentre sono sospese le attività di pub, scuole di ballo, sale giochi, sale scommesse e sale bingo, discoteche e locali assimilati, con sanzione della sospensione nel caso di violazione.

Sono sospese le cerimonie civili e religiose, sono chiuse le piscine, le palestre e i centri benessere e sono annullati eventi, feste di carattere pubblico e similari.

– Chiara Di Miele –

Scrivi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*