Continua la protesta dell’operaio 42enne che da ieri pomeriggio si è barricato nella sede della centrale idrica di Caggiano.

Durante la notte, sono rimasti sul luogo altri 3 operai, i Vigili del Fuoco del distaccamento di Sala Consilina e i Carabinieri della Compagnia di Sala Consilina e della Stazione di Caggiano. Presente sul posto anche il Sindaco di Caggiano e il vice Sindaco che sperano di risolvere al più presto il disagio.

Da questa mattina l’operaio ha deciso di fare lo sciopero della fame, aspettando che i responsabili regionali prestino ascolto alle richieste sue e dei suoi colleghi. Sul posto i Carabinieri della locale Stazione con il Maresciallo Francesco Raciti e i Vigili del Fuoco del Distaccamento di Sala Consilina guidati dal Caposquadra Alessandro Morello.

Il nostro collega – dichiarano gli operai – non uscirà dalla struttura fino a quando non verrà trovata una soluzione valida al problema del lavoro“.

– Rosanna Raimondo –


  • Articoli correlati:

1/06/2017: Disperazione alla centrale idrica di Caggiano. Operaio minaccia di uccidersi per la seconda volta

1/6/2017 – Crisi alla centrale idrica di Caggiano. Nulla di fatto dopo l’incontro in Prefettura

31/5/2017 – Caggiano: operaio si barrica nella centrale idrica e minaccia di uccidersi

Scrivi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*