Continua senza sosta la battaglia di una giovane mamma di Padula per riabbracciare la figlioletta di soli due anni.

La piccola è stata allontanata dai genitori e affidata ad una casa famiglia dopo diverse vicissitudini iniziate con una visita degli assistenti sociali.

Questa mattina si è tenuta una nuova udienza presso il Tribunale di Potenza dove il legale della donna e dei nonni paterni della piccola, l’avvocato Renivaldo Lagreca ha presentato alcune richieste.

In primis, il legale ha chiesto la possibilità di ampliare le visite tra mamma e figlia che, attualmente, hanno una cadenza mensile. La bimba è ospitata in una casa famiglia in Calabria.

Inoltre è stata richiesta la possibilità di affidare la bimba ai nonni paterni oltre ad un riallacciamento del rapporto con il papà attraverso un percorso virtuoso. L’uomo, occorre sottolineare, vive ora in un’altra abitazione.

Il padre avrebbe avuto in passato problemi a causa di un arresto per spaccio di droga. Problemi che, come sottolineato dall’avvocato Lagreca “non riguardano assolutamente il suo rapporto con la bambina”.

Nei mesi scorsi è stata rigettata la richiesta di affidamento da parte dei nonni paterni.

Una battaglia legale che punta, quindi, a far riabbracciare la piccola ai suoi affetti.

– Claudia Monaco –


  • Articolo correlato:

15/09/2019 -Padula: bimba di 2 anni tolta ai genitori e mandata in una Casa famiglia. Lotta per l’affidamento

Scrivi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*