9 thoughts on “Bimba di due anni dall’ospedale di Polla “costretta” a recarsi a Villa d’ Agri per una lieve frattura al dito

  1. purtroppo è una questione di cultura come prima ragione, e poi scarso senso di consapevolezza di ciò che è la propria opera (non mestiere) forse alcuni non si rendono conto di avere a che fare con la salute delle persone, forse ,e dico sempre alcuni, non si rendono conto che l’ospedale non è la propria azienda,ma un luogo dove le persone cercano sollievo e cure ai propri malanni, confidando in altre persone competenti e sensibili sopratutto alle sofferenze e ai probblemi di salute che di cui sono portatori,

  2. È sicuramente un episodio increscioso, il reparto di ortopedia lavora sott’organico da tempo, il pronto soccorso fa fronte ad un numero elevato di accessi con le risorse disponibili, nel nostro ospedale non sì nominano responsabili (primari) da anni e fare fronte alle carenze di personale con attività libero professionale , beh che il sistema politico non ha responsabilità ho forti dubbi, fermo restando la responsabilità personale di ogni singolo operatore, forse quando operava il Primario Rescinito non vi era la stessa situazione organica operante e lei può confermarlo, comunque c’è la maggior parte degli operatori che sono responsabili e professionali è chiaro che sono episodi che purtroppo screditano l’operato di tutti.

  3. Risposta a “la bella” da Aldo Rescinito.

    Se tutto quello che ha descritto Il Sig. Lorenzo da Sala Consilina corrisponde a verità (e non ho motivi per credere che non sia vero, in quanto non è il solo nè l’unico episodio di “scarsa attenzione” medica e/o infermieristica lamentato e segnalato) io mi permetto di aggiungere che la colpa non può ricadere esclusivamente sui “politici”, sulla carenza di personale, e su tanti altri “alibi” ricorrentemente addotti.
    A mio giudizio ( e chi srcive ha trascorso oltre 40 anni della propria attività professionale nell’ Osp. di Sant’Arsenio e di Polla) per fortuna solo da parte di alcuni operatori sanitari viene a mancare il senso della dignità personale, professionale ed umana, che invece dovrebbe in ogni momento guidare ed accompagnare le nostre azioni.
    Ne si può demandare ad altri quelli che sono i nostri diritti o le nostre necessità, che dovremmo invece rappresentare e pretendere tutti insieme, e non in maniera singola, a chi di dovere (quasi a tentar di
    difendere solo “il proprio orticello”), come la richiesta di attrezzature o di altro personale, necessario per poter erogare una migliore e più qualificata assistenza.
    Non è esclusivamente “la politica”, caro LA BELLA, ad avere le sue responsabilità !
    Responsabili di tutto sono soprattutto le nostre azioni di uomini (medici, infermieri, etc) che dovrebbero semplicemente comportarsi con maggiore attenzione e con alto senso di dignità verso l’utenza di questo territorio, che ha già dimostrato tanta e troppa pazienza, verso ogni forma di prevaricazione e di sorpruso !
    E tutto questo non perchè pecore ( come tu le definisci), ma perchè uomini e donne con profondi sentimenti di onestà intellettuale e dignità personale !

  4. In riposta a “la bella” – Lei è un ortopedico ? E perché non si firma con nome e e cognome invece di nascondersi dietro uno pseudonimo ? Si metta nei panni dei genitori della piccola.

  5. E’ una vergogna! Che schifo! Bisognerebbe parlare anche di certi medici e infermieri presuntuosi che trattano i pazienti come cretini.
    Michela

  6. Sono un ortopedico che ha collaborato per alcuni anni come consulente esterno dell’Azienda Ospedaliera Universitaria di Salerno nel reparto ortopedico di Polla. I sanitari e collaboratori che operano in ortopedia da anni lavorano in numero ridotto con gravi conseguenze organizzative a coprire i turni di servizio di p.s. traumatologico. E’ inutile scagliarsi contro coloro che ogni giorno si prodigano a mantenere il servizio . Unici responsabili sono altri. ….. E voi lo sapete bene!! DATE UN AIUTO CONCRETO A COLORO CHE VI ASSISTONO…! Per una volta….. indirizzate le Vs. Accuse a chi veramente non sente e non vede …..E’ il momento che si faranno vedere……A voi le belle cose….! Ma, sono sicuro, anche in questa tornata elettorale, Vi comporterete come tante pecore !!! Però ……NON VI LAMENTATE PIU’.

  7. Sono costernato.Poi si parla di deontologia professionale,quel medico dovrebbe vergognarsi se avesse un minimo di sensibilità.Non è la prima volta che a Polla danno prova di scarsa prova del senso del dovere,quando portai mia madre gravemente ammalata all’ospedale un infermiere alle 8.00 di mattina si seccò dicendole che non era quella l’ora opportuna per disturbare.

Comments are closed.