Il noto attore Beppe Fiorello ha accolto l’invito del Policlinico Universitario Agostino Gemelli a un pomeriggio con degenti grandi e piccoli della struttura in occasione della proiezione di “Chi m’ha visto”, suo recente film la cui visione era programmata nella sala cinematografica nell’ospedale.

Il famoso attore siciliano ha rivolto un pensiero in particolare ai piccoli degenti ricoverati nel reparto di Oncologia Pediatrica del Gemelli, Unità diretta dal dottor Antonio Ruggiero, originario di Sant’Angelo le Fratte, da poco subentrato a Riccardo Riccardi. Il dottor Ruggiero anche di recente si è distinto per uno studio, da lui condotto, circa la possibilità di mettere in campo un’adeguata strategia, per i piccoli pazienti oncologici, di gestione delle reazioni allergiche durante i trattamenti, eliminando il ricorso a chemioterapie di seconda linea, più tossiche e meno efficaci.

Fiorello si è intrattenuto a lungo con i degenti, chiacchierando con loro o avvicinandosi ai pazienti presenti in sala grazie a degli speciali letti, incoraggiandoli e facendo con tutti foto e selfie.

Il nostro mestiere –  ha affermato ancora l’attore siciliano – lo consideriamo spesso effimero. In luoghi come questo invece mi rendo conto che non è proprio inutile: un film può provocare effetti molto positivi. Credo che il cinema come il teatro e un certo tipo di tv, se fatti bene e seriamente, possono veramente far sognare”.

– Maria De Paola –

 

https://c1.staticflickr.com/5/4515/24846930448_f8e880083f_b.jpg https://c1.staticflickr.com/5/4557/24846930778_f145bc51a1_b.jpg

 


  • Leggi anche:

22/08/17 – È di Sant’Angelo le Fratte il medico che ha rivoluzionato la chemioterapia pediatrica

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

This site is protected by reCAPTCHA and the Google Privacy Policy and Terms of Service apply.

Per continuare a leggere non usare il blocco delle pubblicità sul nostro giornale.

La pubblicità è l’anima del commercio e senza di essa non potresti leggere le notizie che ti interessano