Da oggi, così come già avvenuto nelle precedenti emissioni, presso la Banca Monte Pruno sarà possibile procedere alla sottoscrizione del nuovo titolo di Stato BTP Futura. Si tratta della quarta emissione di questo strumento finanziario il cui collocamento terminerà venerdì 12 novembre, salvo chiusura anticipata.

Il BTP Futura prevede cedole nominali semestrali calcolate sulla base di tassi prefissati e crescenti nel tempo (step-up). Il titolo avrà durata 12 anni, con un minimo di quota sottoscrivibile pari a 1.000 euro e successivi multipli.

I tassi minimi lordi garantiti sono i seguenti:
  • 0,75% dal 1° al 4° anno;
  • 1,25% dal 5° all’ 8° anno;
  • 1,70% dal 9° al 12° anno;

I tassi definitivi, invece, saranno annunciati alla chiusura del collocamento e non potranno essere inferiori ai tassi cedolari minimi garantiti.

La quarta emissione di BTP Futura, la seconda del 2021 dopo quella di aprile, prosegue l’obiettivo di supportare l’economia nazionale. I suoi proventi, per l’appunto, vengono interamente dedicati a finanziare gli interventi adottati nel corso dell’anno per la crescita economica del Paese. Il collocamento non prevede eventuali riparti, né sarà applicato alcun tetto massimo assicurando la completa soddisfazione degli ordini. Il Ministero si riserva la facoltà di chiudere anticipatamente l’emissione. L’eventuale chiusura anticipata non potrà comunque avvenire prima di mercoledì 10 novembre (garantendo al risparmiatore almeno tre intere giornate di collocamento). Si ricorda che al sottoscrittore non verranno applicate commissioni per gli acquisti nei giorni di collocamento, mentre sul rendimento del titolo si continuerà ad applicare l’usuale tassazione agevolata sui Titoli di Stato pari al 12,5% e l’esenzione dalle imposte di successione come per gli altri titoli del Tesoro.

Di particolare interesse risulta anche la previsione del “premio fedeltà”, cioè un bonus corrisposto esclusivamente a chi acquista i BTP Futura durante il periodo di collocamento e li detiene fino al termine dei primi 8 anni di vita del titolo o fino alla scadenza finale. Alla fine dei primi 8 anni il MEF riconoscerà all’investitore un premio fedeltà intermedio con un minimo dello 0,4% del capitale investito fino ad un massimo dell’1,2%, in base alla media del tasso di crescita del PIL registrato nei primi 8 anni di vita del titolo. Dopo i successivi 4 anni, dunque, alla scadenza finale del titolo, agli investitori che avranno continuato a detenere il titolo senza soluzione di continuità dall’emissione fino alla scadenza verrà corrisposto un ulteriore premio fedeltà finale calcolato sulla base di due componenti:

  • la prima che porterà il premio da un minimo dello 0,6% fino ad un massimo dell’1,8% del capitale investito;
  • la seconda da un minimo dell’1% ad un massimo del 3% del capitale investito.

Maggiori dettagli disponibili sul sito del MEF. L’Ufficio Finanza (jessica.damato@bccmontepruno.it 0975/398626) e le Filiali della Banca Monte Pruno sono a completa disposizione per tutta l’assistenza del caso.

Per continuare a leggere non usare il blocco delle pubblicità sul nostro giornale.

La pubblicità è l’anima del commercio e senza di essa non potresti leggere le notizie che ti interessano