Si è celebrata ieri, nella chiesa di San Michele Arcangelo ad Atena Lucana, la XXVI edizione della Giornata Mondiale del Malato, organizzata come ogni anno da Donato Valisena in collaborazione con la parrocchia e numerosi volontari che, per una domenica, si mettono a disposizione degli ammalati per dar vita ad un momento conviviale di allegria e di preghiera.

Dopo la Santa Messa della mattina, celebrata dal Vescovo della Diocesi di Teggiano-Policastro, Mons. Antonio De Luca, alla presenza di don Michele Casale, don Michele Totaro e don Vincenzo Santangelo, tutti i partecipanti si sono ritrovati a pranzo insieme per poi divertirsi nel corso di una piacevole festa fatta di canti e balli. Il momento di preghiera per tutti i malati è stato seguito dalla toccante Via Crucis e dalla fiaccolata in strada che ha concluso l’iniziativa. Presenti, tra gli altri, anche il sindaco di Atena Lucana Pasquale Iuzzolino, i volontari della Colomba Soccorso e Cosimo De Angelis, amico di Donato Valisena che ormai da molti anni fornisce il suo supporto nell’organizzazione della Giornata Mondiale del Malato.

Intense sono state le parole di Donato lasciate ai tanti partecipanti alla sua iniziativa. Affetto da invalidità e spinto dalla forte fede per la Madonna di Lourdes da cui va in visita ogni anno, Donato iniziò ad organizzare la Giornata Mondiale del Malato spinto dall’allora parroco di Atena Lucana e attuale Vescovo della Diocesi di Aversa, Monsignor Angelo Spinillo. Nel tempo ha trovato sempre il sostegno dei vari sacerdoti che si sono succeduti alla guida della comunità parrocchiale di Atena. Ieri Donato ha espresso profonda gratitudine a quanti ogni anno arricchiscono con la loro presenza questo evento importante per tutto il territorio.

Quest’anno, inoltre, la Giornata è caduta nella ricorrenza del 160° Anniversario dell’apparizione della Madonna di Lourdes.

– Chiara Di Miele –

 

 

 

  


  • Articolo correlato:

31/1/2018 – Giornata Mondiale del Malato ad Atena Lucana. Donato Valisena e il suo cammino di forza e fede

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*