Il presidente della Commissione regionale speciale Aree Interne, Michele Cammarano, a margine dei lavori della Sottocommissione Agricoltura, ha espresso la necessità di interventi dedicati alle aree periferiche nell’ambito dell’agricoltura, poiché ci sarebbe il rischio di perdere presidi importanti per l’economia rurale e la biodiversità.

“Il processo di valorizzazione delle aree interne – commenta Cammarano – deve ripartire dalla principale vocazione di questi territori, rappresentata dall’economia rurale. Per farlo, è necessario sfruttare al massimo le risorse già previste nell’ambito del Piano di Sviluppo Rurale (PSR), puntando principalmente sul recupero dei territori abbandonati della Campania e nella loro riconversione attraverso un piano di insediamento di imprese agricole. Ne abbiamo discusso in queste ore, nell’ambito del piano di lavoro della Sottocommissione Agricoltura. Vogliamo dare subito vita a una mappatura del territorio, con l’obiettivo di individuare le aree nelle quali investire e una programmazione ad hoc per i piccoli imprenditori”.

 “Il rilancio del comparto agricolo è fondamentale per far ripartire la Campania, dopo la crisi provocata dall’emergenza pandemica. Per questo – ha rivelato Cammarano – abbiamo chiesto e ottenuto dall’assessore all’Agricoltura di poter prendere parte, come Commissione speciale, al ‘tavolo verde’ per definire la futura programmazione dei bandi del Piano di Sviluppo Rurale, così da dare una particolare attenzione agli investimenti e alla tutela dei territori delle Aree Interne. In particolare l’emergenza cinghiali e gli incentivi per i giovani imprenditori restano priorità da affrontare subito senza esitazioni”.

Per continuare a leggere non usare il blocco delle pubblicità sul nostro giornale.

La pubblicità è l’anima del commercio e senza di essa non potresti leggere le notizie che ti interessano