Hanno preso il via nei giorni scorsi i progetti dedicati ai cittadini di Agropoli che percepiscono il Reddito di Cittadinanza.

Tre i PUC approvati dall’Amministrazione comunale, guidata dal sindaco Adamo Coppola, nei seguenti settori: ambiente, sociale e tutela dei beni comuni. I progetti elaborati dall’assessorato alle Politiche sociali, retto dall’assessore Maria Giovanna D’Arienzo, permetteranno a quanti percepiscono i sostegni di curare gli spazi pubblici e le aree verdi, garantire assistenza alle persone fragili, svolgere attività di supporto ad iniziative pubbliche, occuparsi della custodia e della vigilanza dei siti comunali di interesse pubblico.

I percettori del Reddito di Cittadinanza verranno impiegati per un anno, tra le 8 e le 16 ore settimanali.

“Abbiamo dato il via alla fase 2 del Reddito di Cittadinanza, attivando i progetti di pubblica utilità per i beneficiari che risiedono ad Agropoli – ha spiegato il sindaco Adamo Coppola – Le attività previste nell’ambito dei PUC devono intendersi come occasioni di arricchimento a favore dei beneficiari del reddito, a supporto ed integrazione rispetto a quelle ordinariamente svolte dall’Ente, innescando un meccanismo virtuoso capace di rispondere anche alle esigenze della comunità locale”.

“Ringrazio i beneficiari coinvolti e tutti i tutor che provvedono al coordinamento e alla formazione di questi lavoratori – ha aggiunto Maria Giovanna D’Arienzo – i Puc rappresentano per chi percepisce il Reddito di Cittadinanza un’occasione di integrazione sociale, di educazione al lavoro, di crescita formativa e di cittadinanza attiva. Per me è la concretizzazione del principio di restituzione sociale che sprona il beneficiario di un sostegno economico ad impegnarsi in favore della comunità locale”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

*

This site is protected by reCAPTCHA and the Google Privacy Policy and Terms of Service apply.