La strada per il raggiungimento della parità tra uomo e donna è purtroppo ancora lunga. La pandemia ha sicuramente esacerbato le distorsioni e le ineguaglianze che, anche in Europa, vivono le donne“. Così Isabella Adinolfi, europarlamentare del Movimento 5 Stelle, durante il convegno “Il ruolo delle donne nella ripresa post-Covid 19”, organizzato dal Parlamento europeo.

Tuttavia – afferma -, il problema non è l’impatto che ha avuto il Coronavirus nella loro vita privata e lavorativa, ma il sistema preesistente fatto di dipendenza economica, disparità salariale e barriere occupazionali. Il nostro compito oggi è quello di creare una massa critica, un movimento trasversale di opinione per costruire le basi che portino le donne a perseguire i propri sogni, libere dai condizionamenti e supportate nelle proprie scelte di vita“.

Le generazioni prima di noi, come sottolinea Adinolfi, hanno combattuto per il diritto all’aborto, il voto, il divorzio.

Il nostro compito adesso è quello di combattere per tutte quelle donne ancora costrette a scegliere tra famiglia e carriera esclama l’europarlamentare del M5S -, per quelle donne che pur svolgendo lo stesso lavoro, avendo stessi titoli e uguali mansioni, hanno una remunerazione diversa dettata dal possedere o meno un cromosoma y. Solo un’azione congiunta promossa ad ogni livello politico e in concerto con la società civile può realmente mettere in moto quel cambiamento, sulla carta molto spesso già avvenuto ma che stenta a veder la luce nella vita di ogni giorno“.

– Paola Federico –

Scrivi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*