È stata presentata questa mattina nella sede della Comunità Montana Vallo di Diano, nell’ambito della Strategia Nazionale Aree Interne, la donazione di 160 tablet, elargiti da Amazon per il tramite del ministro per il Sud, Giuseppe Provenzano. L’iniziativa ha l’obiettivo di contrastare il disagio causato nella popolazione studentesca italiana dal Covid-19 e dal lockdown.

Abbiamo ricevuto 160 tablet da distribuire agli Istituti scolastici delle aree interne che risentono di più disagi rispetto alle metropoli. Tra le 76 aree pilota, il Ministero ne ha scelto 6 e noi siamo l’unica della Campania – commenta il Presidente Raffaele Accetta -. Con un pizzico di orgoglio dico che questo è un attestato di riconoscimento per il lavoro svolto fin qui. Abbiamo costruito un intenso rapporto con le scuole e questa iniziativa va nella stessa direzione. Il tablet servirà anche a mettere in contatto i ragazzi con il ministro, come lui stesso ha suggerito nella missiva indirizzata agli studenti del nostro territorio. Un gesto che trovo molto significativo“.

I 160 tablet verranno distribuiti già da subito alle prime classi degli Istituti di Primo Grado appartenenti all’Area Interna, per favorire la realizzazione di un incontro telematico col ministro Provenzano il primo giorno di scuola. La sensibilità del ministro esalta i piccoli comuni, realtà da cui egli stesso proviene e di cui conosce le difficoltà.

L’incontro di oggi ha visto la partecipazione di esponenti delle scuole per individuare la modalità di distribuzione ed utilizzo dei tablet: la dotazione degli strumenti tecnologici agli istituti sembrerebbe la via prediletta.

La missione della strategia delle aree interne è di superare le difficoltà del territorio evitando lo spopolamento – conclude Accetta -. La scelta del ministro ribadisce la grande opportunità di trasferire il messaggio di emancipazione e sviluppo che è insito nella nostra politica“.

– Ornella Bonomo –

Scrivi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*