Escalation di furti a Tito, ladri seminano il terrore. Il sindaco Scavone chiede incontro in Prefettura "Bisogna ottimizzare il lavoro delle forze dell'ordine. Questi furti scuotono la vita dei cittadini"



























E’ un vero e proprio assedio quello dei ladri sul territorio di Tito. Dopo i furti nei giorni scorsi che sono stati registrati nella zona dello Scalo, presso le abitazioni vicine alla zona industriale, ci sono da registrare altri furti, perpetrati questa volta in pieno centro abitato.

Una banda infatti, nel tardo di pomeriggio di ieri, ha preso di mira la zona alta del paese, in prossimità del “Parco Le Mimose”. Una decina i colpi provati, almeno sei quelli messi a segno dai ladri che, dopo aver seminato il terrore, scappano via facendo perdere ogni traccia. In alcuni casi sono entrati anche quando all’interno c’erano delle persone, dopo aver forzato porte e finestre. In alcuni casi le urla dei residenti hanno dato il via alla loro fuga.

Il bottino è sempre lo stesso: oro e oggetti preziosi di vario genere, oltre ai soldi. Si vive praticamente nel terrore sul territorio titese, tanto che il sindaco Graziano Scavone ha chiesto con urgenza la convocazione di un incontro con il Prefetto di Potenza Giovanna Cagliostro. “Bisogna coordinare e ottimizzare al meglio il prezioso lavoro delle forze dell’ordine – ha sottolineato Scavone – questi furti scuotono la vita dei cittadini. Ultimamente abbiamo sottoscritto un protocollo d’intesa, e questo ci fa ben sperare per mettere in campo misure finalizzate a rafforzare la sicurezza. C’è urgenza di restituire la serenità alla comunità e alle imprese. Speriamo che le misure previste dal protocollo vengano attuate al più presto. Come Comune, abbiamo già dato disposizione alla Polizia Locale di incrementare i servizi di pattugliamento e controllo sulle principali arterie, anche attraverso l’utilizzo dello Street Control”.







– Claudio Buono –


  • Articolo correlato:

19/1/2018 – Topi d’appartamento in azione a Tito. Rubati oro, oggetti di valore, cibo e pannolini



























Commenta la notizia

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*