Il Liceo Artistico di Teggiano si piazza al primo posto nella “Sezione Arte” alla XIX edizione dei Colloqui Fiorentini.

“Questa notizia, in questo periodo di emergenza, ci permette di riconoscere sempre di più il grande valore che i nostri ragazzi hanno oggi – riferisce la Dirigente dell’Istituto “Pomponio Leto” di Teggiano Maria D’Alessio Riflessivi, accurati, appassionati, questi studenti ci ricordano quanto sia importante per ognuno mantenere uno sguardo limpido e pronto alla meraviglia. Perché è meravigliandoci di ciò che ci circonda che saremo capaci di costruire una vera comunità educante. Un grazie speciale ai miei studenti ed un ringraziamento di cuore ai docenti che ne hanno curato la partecipazione”.

L’Istituto “Pomponio Leto” di Teggiano, con un gruppo di studenti del Liceo Artistico ha partecipato all’edizione di quest’anno dei Colloqui Fiorentini, manifestazione rivolta a tutte le scuole del territorio nazionale che ha lo scopo di avvicinare gli studenti ai grandi autori della letteratura italiana.

L’attenzione di quest’anno era rivolta a Cesare Pavese, figura la cui opera è stata oggetto di approfondimento da parte degli studenti delle classi quarte e quinte del Liceo Artistico che, coadiuvati dalla docente di Lettere Concettina Di Mieri, hanno realizzato delle accurate tesine per argomentare il loro pensiero e manifestare il proprio punto di vista sul grande autore.

La gestione della partecipazione all’evento è stata curata dal professore Francesco Cicale che avrebbe dovuto accompagnare gli studenti partecipanti alla manifestazione fiorentina, declinata poi in formato streaming per l’emergenza pandemica.

Il lavoro degli alunni Gabriel Colucci e Fabiana Esposito, un corto cinematografico dal titolo “I Passi della vita ai piedi della morte” che indaga sugli ultimi istanti di vita di Pavese, traducendo in immagini concrete le riflessioni dei ragazzi, è risultato vincitore della Sezione Artistica del concorso, per la soddisfazione dell’intera comunità scolastica del “Pomponio Leto”.

– redazione –

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*