Arrivano i risultati della fase 1 del vaccino anti-Covid messo a punto dall’Istituto Nazionale Malattie Infettive ‘Spallanzani‘ e da ReiThera ed il Vallo di Diano festeggia due volte“. A dichiararlo è il Presidente della Comunità Montana Vallo di Diano, Raffaele Accetta.

Innanzitutto perché si tratta di uno strumento promettente per contrastare la Pandemia. Poi perché ai vertici dell’Istituto Romano, che rappresenta un’eccellenza nel settore a livello europeo, c’è un illustre valdianese: il direttore scientifico prof. Giuseppe Ippolito.

Si tratta di un nuovo vaccino tutto italiano che sfoggia caratteristiche che nulla hanno da invidiare agli altri già in produzione. Si tratta di un farmaco monodose che si conserva ad una temperatura tra i 2°C e gli 8°C (contro gli addirittura i -80°C di quello Pfizer, fatto che ha importanti ripercussioni economiche e logistiche). Gli scienziati confidano di arrivare presto ad una produzione di circa 100 milioni di dosi all’anno. Di tutto rispetto la percentuale di immunizzazione che ne deriva che è superiore al 92%.

La storia del dottor Ippolito, oltre che inorgoglire i cittadini del Vallo di Diano – afferma il Presidente della Comunità Montana Accetta -, dimostra ancora una volta quanto sia valida la filosofia della Strategia Nazionale di investire nelle aree interne che con il proprio patrimonio umano tanto hanno dato ed hanno da dare alla ricerca scientifica, alla cultura, alla politica, all’economia ed alla società della nostra Nazione. A lui ed ai ricercatori dello Spallanzani va tutta la nostra gratitudine. Per lui proporremo una cittadinanza onoraria di tutto il territorio del Vallo di Diano con benemerenza“.

– Paola Federico –


  • Articolo correlato

5/1/2021 – Ottimi risultati nella Fase 1 del vaccino italiano. Ippolito:”E’ sicuro, il picco di risposta è a 4 settimane”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*