La seconda ondata della pandemia ha evidenziato in Europa le criticità dei sistemi sanitari di alcuni Paesi membri. Il 2021 sarà ricordato probabilmente come l’anno con la più grande campagna vaccinale della storia. I Governi europei stanno affrontando l’impresa di vaccinare la quasi totalità della popolazione in pochi mesi, una sfida che mette a dura prova non solo le filiere logistiche e sanitarie, ma l’approccio dei singoli Stati membri.

Stando ai dati della piattaforma Our World in Data – Coronavirus (COVID-19) Vaccinations (aggiornati al 4 gennaio) le somministrazioni del vaccino Pfizer BioNtech, al momento l’unico utilizzabile, proseguono a velocità diverse. Basta guardare i dati della Germania con oltre 265.000 vaccinazioni con a seguire l’Italia (151.606) e la Spagna (82.834) mentre in Francia siamo ancora nel regime delle centinaia di dosi somministrate.

I Paesi membri devono fare la loro parte potenziando anche i sistemi sanitari – così commenta l’europarlamentare della Lega, Lucia Vuoloil Governo italiano faccia chiarezza sui dati e la gestione della campagna vaccinale, come sulle risorse per il potenziamento della sanità”.

In Italia la somministrazione dei vaccini – continua l’europarlamentare campana – non può prescindere da un maggiore e programmatico investimento di risorse per gli ospedali, i presidi territoriali, il personale e il sistema sanitario; come sottolineato da Matteo Salvini nei 12 punti programmatici di rilancio del Paese”.

– Chiara Di Miele –

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*