Un sequestro preventivo di oltre 529mila euro è stato disposto dal Gip presso il Tribunale di Potenza dopo aver fornito all’ospedale “San Carlo” di Potenza, nel 2016, un sistema per la radioterapia che è risultato di seconda mano.

Lo strumento era già stato installato in un’altra clinica in Svezia. Il sequestro è stato eseguito dai Carabinieri del NAS nei confronti di una società di Parma, del suo legale rappresentante e del legale rappresentante di un’impresa di Gravina di Catania.

Nel procedimento penale coordinato dalla Procura della Repubblica di Potenza si indaga per i reati di truffa aggravata, frode in pubbliche forniture e falsità ideologica commessi ai danni dell’azienda ospedaliera “San Carlo” di Potenza. Il sistema per la radioterapia, infatti, secondo quanto previsto dal contratto e dal capitolato di appalto doveva essere “nuovo di fabbrica e con caratteristiche tecniche di ultima generazione”.

L’azienda ospedaliera potentina pagò la fornitura nel 2017 sborsando oltre 2,2 milioni di euro.

Il decreto di sequestro si riferisce invece alla differenza fra la somma pagata dalla società fornitrice per l’acquisto del sistema usato in Svezia e quanto liquidato dall’azienda “San Carlo” di Potenza.

In tal modo lo Stato ha recuperato il profitto del reato sottraendolo a chi lo ha commesso.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

This site is protected by reCAPTCHA and the Google Privacy Policy and Terms of Service apply.