Venerdì scorso è arrivata una segnalazione di un cittadino alla Centrale Operativa della Compagnia Carabinieri di Salerno che ha segnalato due persone in auto di fronte alla filiale del “Banco di Napoli” di Via Michelangelo Testa che si muovevano con fare sospetto: i due scendevano dall’auto per recarsi allo sportello ATM, rientravano a fine prelievo e ripetevano nuovamente l’operazione dopo 5 minuti. Una pattuglia della Sezione Radiomobile è intervenuta immediatamente, bloccando i due uomini per sottoporli ad identificazione ed accurati controlli. Si tratta di P.G.O.W., 28enne di Melito di Napoli, e di S.E., 20enne partenopeo, già noto alle Forze di Polizia.

La perquisizione sui due e sull’auto ha rivelato il possesso di 54 carte bancomat e di credito, due telefoni cellulari e 650 euro frutto di indebiti prelievi. Tutto è stato sequestrato.

I due sono stati denunciati per ricettazione ed indebito utilizzo di carte di credito e bancomat.

Le indagini continuano per ricostruire la provenienza delle carte ed i meccanismi utilizzati per carpire i codici di utilizzo.

L’occasione. come sottolineano, richiama l’attenzione di tutti su due aspetti fondamentali: il primo riguarda la sicurezza delle operazioni con carte e conti correnti, per cui è necessaria la massima prudenza, specialmente nel contattare il proprio Istituto di Credito in caso di ricezione di mail/sms o altre comunicazioni che richiedano dati personali o codici autorizzativi/PIN; il secondo relativo alle segnalazioni del privato cittadino, importantissime e preziose, una semplice telefonata ha evitato danni economici potenzialmente ingenti a ben 54 persone.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

This site is protected by reCAPTCHA and the Google Privacy Policy and Terms of Service apply.

Per continuare a leggere non usare il blocco delle pubblicità sul nostro giornale.

La pubblicità è l’anima del commercio e senza di essa non potresti leggere le notizie che ti interessano