Continuano i controlli sull’attività venatoria ad opera dei Carabinieri della Stazione di Borgo Carillia, diretti dal Maresciallo Capo Vittorio Lorito, e delle guardie dell’Enpa di Salerno che hanno sorpreso un uomo a cacciare nell’area protetta “Foce Sele-Tanagro” a circa 25 metri dalla sponda del fiume Calore, non rispettando i limiti della Riserva.

Dopo i primi controlli per la ricerca di fauna illecitamente abbattuta, i militari dell’Arma e le guardie dell’Enpa si sono recati alla Stazione di Borgo Carillia dove sono stati effettuati ulteriori controlli e si è proceduto a denunciare l’uomo all’Autorità Giudiziaria competente per esercizio di attività venatoria in area protetta.

Il 31 dicembre si è chiusa la caccia per alcune specie, quali Allodola, Merlo, Lepre comune e per il Cinghiale, i controlli continueranno per assicurarci che non ci siano illeciti e per la salvaguardia delle specie protette” commenta Alfonso Albero, capo nucleo delle guardie Enpa di Salerno.

Inoltre ieri è stata recuperata una Poiana proveniente da Palomonte che si trova ora al Centro Recupero Animali Selvatici di Napoli per le cure e per la successiva liberazione.

– Chiara Di Miele –

 

 

 


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

This site is protected by reCAPTCHA and the Google Privacy Policy and Terms of Service apply.

Per continuare a leggere non usare il blocco delle pubblicità sul nostro giornale.

La pubblicità è l’anima del commercio e senza di essa non potresti leggere le notizie che ti interessano