Il Tribunale del Riesame di Potenza ha confermato il sequestro dell’impianto Eni di Viggiano, restano bloccate le due vasche del Centro Oli di Viggiano e del pozzo reiniezione “Costa Molina 2” a Montemurro.

Il ricorso presentato dall’Eni, contro i sequestri, era stato esaminato ieri mattina dal Tribunale del Riesame di Potenza. Il provvedimento è stato depositato nella tarda mattina di oggi, e l’Eni ha già confermato che ricorrerà alla Corte di Cassazione.

Nel Centro Oli di Viggiano, la produzione petrolifera da 75 mila barili al giorno, resta sospesa dal 31 marzo per l’inchiesta sul presunto smaltimento illecito di rifiuti prodotti dallo stesso impianto della Val d’Agri.

– redazione – 


  • Articoli correlati

31/03/2016 – Sei arresti al Centro Oli di Viggiano. Indagato il compagno del ministro Guidi

31/03/2016 – Arresti al Centro Oli Viggiano. Eni:”Al momento sospese le estrazioni”

5/04/2016 – Inchiesta petrolio Val d’Agri. I carabinieri del Noe indagano sui casi di tumore

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*