Così come promesso, l’Amministrazione comunale di Sanza, grazie alla sensibilità della Madre Generale delle figlie di nostra Signora al Monte Calvario di Roma, ha scongiurato l’ipotesi di spostamento delle suore che attualmente vivono presso l’Asilo Comunale, scuola dell’infanzia paritaria “Maria Josè”. Nessuno spostamento delle suore e soprattutto nessun problema per il prosieguo delle attività dell’Asilo Comunale, che contina il suo percorso educativo a favore dei piccoli alunni che la frequentano.

L’interlocuzione avuta con la Madre Generale ha fatto emergere alcune difficoltà dell’Ordine monastico che nulla hanno a che vedere con l’attuale condizione delle suore che amorevolmente curano lo storico Asilo di via Santa Brigida. Va precisato che la stessa Amministrazione comunale si è resa disponibile a migliorare e perfezionare, se necessario, la convenzione tra le parti che garantisce la presenza delle suore a Sanza.

Il sindaco e l’Amministrazione comunale ringraziano S.E. Mons. Antonio De Luca, Vescovo della Diocesi di Teggiano-Policastro, per l’interessamento alla vicenda, così come esprimono affetto e riconoscenza alla Madre Generale. La Scuola Paritaria “Maria Josè” di Sanza non solo non chiude ma sarà anche potenziata.

Infine occorre sottolineare la manifestazione di affetto verso le suore da parte della Confraternita SS Sacramento e Rosario, che fin da subito ha espresso preoccupazione per l’ipotesi di trasferimento.

Come promesso nulla è stato lasciato al caso e come avevamo auspicato è stata individuata la giusta soluzione alla questione – ha affermato il sindaco Esposito – E’ questa l’occasione per ringraziare pubblicamente le nostre suore per il loro prezioso lavoro;, rinnovando la massima disponibilità a fare in modo che l’Asilo Comunale, scuola dell’infanzia paritaria Maria Josè, di Sanza, sia sempre più un luogo di riferimento per l’educazione e la formazione dei nostri bambini”.

– Chiara Di Miele –


  • Articolo correlato:

1/2/2021 – Preoccupazione a Sanza. Possibile chiusura della Scuola Materna gestita dalle suore:”Carenza di personale”

Scrivi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*