Il Consiglio comunale di Sala Consilina ha deliberato in merito al conferimento della cittadinanza onoraria al prof. Giuseppe Ippolito, Direttore Generale della Ricerca del Ministero della Salute e Direttore scientifico dell’Istituto Nazionale per le malattie infettive (INMI) “Lazzaro Spallanzani” di Roma oltre che del Centro Collaboratore dell’OMS per la gestione clinica, la diagnosi, la risposta e la formazione sulle malattie altamente infettive all’INMI.

Questa la motivazione del conferimento:”Al prof. Giuseppe Ippolito per i meriti scientifici e per le elevate capacità organizzative dimostrate anche nel gestire le complesse attività legate alla Sanità pubblica e nell’aver saputo affrontare gravi malattie infettive, non per ultima la pandemia da Sars-Cov-2, capacità queste che inorgogliscono anche Sala Consilina, città dove si è diplomato all’età di 17 anni presso il locale Liceo Classico, fatto questo che ha contribuito ad aumentarne il prestigio tra gli istituti superiori del Vallo di Diano e che conferma la validità dell’offerta formativa da esso fruibile”.

Il conferimento dell’onorificenza sarà iscritto nel libro onorario del Comune di Sala Consilina, depositato nell’Ufficio del sindaco Francesco Cavallone e che contiene i nomi dei cittadini onorati, il motivo dell’onorificenza e la data del conferimento.

Il prof. Giuseppe Ippolito, originario di Sant’Arsenio, si è laureato in Medicina presso l’Università La Sapienza di Roma, ha conseguito la laurea specialistica in Malattie infettive, in Dermatologia e il Master in Organizzazione e gestione delle istituzioni sanitarie nel 1997. Ha avuto incarichi in numerosi organismi nazionali ed istituzioni internazionali per l’HIV/AIDS, le infezioni associate all’assistenza sanitaria, la preparazione e la risposta alle infezioni emergenti. Negli ultimi anni ha coordinato diversi progetti finanziati dall’Unione europea nel campo delle infezioni emergenti e riemergenti, della biosicurezza, della preparazione e della risposta alle pandemie. Di recente l’Accademia Nazionale dei Lincei ha assegnato, per il 2021, il “Premio Linceo” straordinario per la ricerca interdisciplinare sul Covid-19. E’ una figura che ha dato lustro al territorio valdianese. Contattato, il prof. Ippolito ha comunicato la sua impossibilità a partecipare all’evento per i numerosi impegni lavorativi, ma ha accolto con grande piacere la notizia di questo riconoscimento.

Per continuare a leggere non usare il blocco delle pubblicità sul nostro giornale.

La pubblicità è l’anima del commercio e senza di essa non potresti leggere le notizie che ti interessano