Ci fu un tempo in cui l’Amministrazione Comunale di Sala Consilina organizzò un incontro intitolato:‘Circoliamo? Studio per il riassetto e la regolamentazione del sistema di mobilità urbana’“.

Inizia così un comunicato stampa a firma del gruppo di minoranza consiliare al Comune di Sala Consilina Positivo Si Cambia in merito ad un progetto presentato due anni fa dall’Amministrazione Cavallone per una revisione del sistema di mobilità comunale. “Furono annunciati confronti per ascoltare problematiche e condividere soluzioni con il preciso scopo di migliorare la mobilità urbana, – si legge nel comunicato del Gruppo Positivo – la sicurezza e l’impatto ambientale. Il Vicesindaco, delegato sul tema e protagonista di quell’evento, tuonò:’… procedere ad espropri forzati per pubblica utilità per abbattere dei ruderi che si trovano nei pressi di strade principali e costituiscono un problema per la sicurezza stradale’“.

Poi trascorsero 24 mesi, – spiegano ancora – è vero non si tenne nessun incontro di ascolto nè tantomeno di ricerca di migliorie, ma una grande idea del Vicesindaco cambiò radicalmente la mobilità cittadina: la sbarra ai Giardinetti! Fu così che una piazzetta divenne comoda area di sosta dei bus cittadini, con buona pace della mobilità e della sicurezza“.

Anche lo scorso anno i membri di Positivo Si Cambia avevano “festeggiato” il primo compleanno di “Circoliamo?” lamentando l’assenza di iniziative prese in tal senso.

I cittadini salesi – termina il comunicato – nel fare gli auguri di buon compleanno a ‘Circoliamo’ per i suoi 2 anni di inattività, ringraziano il Sindaco, il Vicesindaco e Sala Viva tutta per gli ottimi risultati ottenuti. Un augurio e un ringraziamento speciale vi giungano dalla pregiata pavimentazione della piazzetta che è stata irrimediabilmente danneggiata“.

– Chiara Di Miele – 


  • Articoli correlati:

16/10/2016 – Sala Consilina. Gruppo Positivo:”Ad un anno dal convegno ‘Circoliamo?’ nessuna iniziativa per la mobilità”

17/10/2016 – Sala Consilina: Al via il progetto “Circoliamo?” I cittadini diventano protagonisti del nuovo sistema di mobilità urbana

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

This site is protected by reCAPTCHA and the Google Privacy Policy and Terms of Service apply.