Per un confronto sulle azioni messe in campo per quanto riguarda il sistema di prevenzione del rischio sismico l’assessore regionale della Basilicata ad Infrastrutture e Trasporti, Donatella Merra ha convocato un incontro che si è tenuto in videoconferenza con i rappresentanti dei professionisti e tecnici lucani e con i dirigenti del Dipartimento. Sono stati invitati ad intervenire i presidenti degli Ordini di Potenza e di Matera degli Ingegneri, degli Architetti, degli Agronomi, del Collegio dei Geometri e dei Geologi della Basilicata, insieme agli esponenti di Assoingegneri.

Nell’introdurre i lavori, l’assessore Merra dopo aver ringraziato “tutti gli ingegneri del Dipartimento, partendo dal dirigente dell’Ufficio Difesa del Suolo, Giovanni Di Bello, con il suo lavoro incessante e proficuo svolto per dare impulso, tempi nuovi e velocità alle attività della sismica” ha ricordato “l’importanza della task force appositamente istituita, che ha consentito di recuperare i ritardi nell’autorizzazione delle pratiche che si erano creati alcuni mesi fa, anche per via della pandemia”.

Siamo arrivati ad un punto di svolta nell’analisi delle pratiche, mettendoci praticamente al passo – ha evidenziato l’esponente della Giunta regionale – con le istanze che provengono dai professionisti e dai tecnici e rispettando i tempi dettati dal nuovo Decreto Semplificazioni, che ha introdotto novità importanti. A queste novità siamo riusciti prontamente ad adeguarci attraverso apposite delibere di Giunta e con l’approvazione di schede di sintesi per velocizzare le procedure. Siamo intervenuti inoltre a livello normativo: dopo aver emanato una prima legge abbiamo infatti elaborato una riforma complessiva del settore, che è all’attenzione della commissione consiliare e che intende superare le normative attualmente in vigore che sono ormai superate”.

L’assessore ha quindi parlato “delle novità della nuova piattaforma informatica da poco implementata e al servizio dei professionisti per l’invio delle pratiche: essendo però quella attuale una fase di passaggio dal vecchio al nuovo sistema si sono verificati alcuni malfunzionamenti ai quali l’ufficio e la società che gestisce il servizio stanno cercando di porre rimedio”. La rappresentante dell’esecutivo ha concluso il suo intervento annunciando che “nel processo di riorganizzazione amministrativa è stata prevista l’istituzione di un ufficio ad hoc per le politiche di prevenzione del rischio sismico”.

– Chiara Di Miele –

Scrivi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*